francescanesimo

Una giornata per il Creato: mobilitazione dell'Ordine Francescano Secolare di Sicilia

Gelsomino Del Guercio lasicilia.it

Sarà celebrata domenica mattina, 30 settembre, la "Giornata per la custodia del Creato” dell’Ordine Francescano Secolare di Sicilia all’interno dell’incantevole scenario del Parco dei Monti Sicani. Il tema scelto per questa giornata mondiale voluta dalla Conferenza Episcopale Italiana è “Coltivare l’alleanza con la terra”.

"TEMPO PER IL CREATO"

Dal 2016 in poi papa Francesco e il patriarca Bartolomeo, con i loro messaggi congiunti per la "Giornata mondiale di preghiera per il creato", hanno dato un notevole impulso all’iniziativa di celebrare il “Tempo per il Creato” usando un linguaggio forte per ribadire l’urgenza della risposta alla crisi ecologica e la necessità di agire per fermare i cambiamenti climatici in atto. 

L’enciclica Laudato sì, ha rimesso al centro della riflessione e dell’azione della Chiesa la custodia del Creato, alla quale, in questi secoli, i seguaci di Francesco d’Assisi hanno dedicato ogni sforzo. Questa rappresenta un richiamo alla memoria del dono ricevuto e al senso di responsabilità di vivere la propria vita con autenticità e coerenza.

LEGGI ANCHE: Francescani in Sicilia tra preghiera e formazione

"LA CURA DELLA TERRA"

Il “tempo per il Creato” può essere un tempo importantissimo per formarsi all’importanza della cura e del rispetto della nostra “terra”, per «spiegarci e spiegare il punto di vista effettivo di san Francesco, che nelle creature riconosceva il Creatore» e per continuare a coltivare la “Speranza” di un mondo migliore. 

L'EREMO DI SANTA ROSALIA

La giornata è organizzata dal consiglio regionale dell’Ordine Francescano di Sicilia, in collaborazione con l’ente Parco dei Monti Sicani. «L’appuntamento - scrive l'Ofs - è per domenica 30 settembre alle ore 8:00 presso l’area attrezzata del demanio forestale “Bosco di Buonanotte” in Santo Stefano di Quisquina. Immersi nella natura ci dirigeremo verso l’eremo di santa Rosalia alla Quisquina dove a mezzogiorno sarà celebrata la messa da fra Salvatore Zagone, padre Provinciale dei Frati Minori Cappuccini di Palermo. La giornata terminerà con il pranzo a sacco e con una degustazione dei prodotti tipici del territorio offerta dall’ente Parco dei Monti Sicani».

LEGGI ANCHE: Al via il raduno degli araldini siciliani