francescanesimo

Giovani in movimento da tutta Italia: sono partite le marce francescane

Gelsomino Del Guercio assisiofm.it

Mobilitazioni da ogni regione per raggiungere Santa Maria degli Angeli. Ma ci sono anche percorsi alternativi

Il 26 luglio inizia la trentanovesima edizione della Marcia Francescana – organizzata dai Frati Minori di Assisi – un cammino di dieci giorni per i giovani – dai 18 ai 32 anni – un itinerario nelle diverse regioni d’Italia che ha come meta l’arrivo a Santa Maria degli Angeli, nella Porziuncola – una porta sempre aperta – proprio il 2 agosto, per poter vivere la Festa del Perdono.

Quest’anno il titolo e il tema della Marcia è “Al posto tuo”, perché la Marcia Francescana non è solo un cammino fisico, ma soprattutto un cammino spirituale che insegna a vivere: «ti apre la testa, ti apre gli occhi e ti apre il cuore».

LA PARTENZA IN TOSCANA

La prima tappa del cammino - promosso con la regia della Pastorale Giovanile dei Frati Minori di Toscana - è il 26 luglio, da Grosseto a Castiglion della Pescaia. Il secondo giorno il cammino parte da Castiglion della Pescaia fino a Follonica. Il terzo giorno, da qui, i marciatori raggiungono Piombino e, da quest’ultimo, il 29 luglio arrivano a San Vincenzo. Martedì 30 luglio i pellegrini si trasferiscono in pullman da San Vincenzo a Bibbiena e, il giorno dopo, partono per la salita a piedi verso il santuario de la Verna.

Dopo due giorni di ritiro in questo luogo suggestivo e significativo per la vita di Francesco, la Marcia giungerà ad Assisi il 2 agosto.

GUARDA IL VIDEO




I FRATI SOG

«Un cammino del corpo e dell’anima, un viaggio nella bellezza e nella condivisione che va oltre la fatica e gli imprevisti, con lo sguardo fisso alla Porziuncola. Ogni passo ti porta più vicino al Perdono, a un incontro speciale con la Misericordia del Padre. Apri il tuo cuore e accogli la Grazia di Dio nella tua vita». Definiscono così la marcia i Frati del SOG, Servizio Orientamento Giovani, di Santa Maria degli Angeli: il loro gruppo, con giovani di Umbria e Sardegna, è partito da Orvieto il 25 luglio.

DA SIRACUSA A LA VERNA

La marcia verso Assisi, organizzata dai Frati Minori di Sicilia, quest’anno è iniziata da Siracusa il 25 luglio. Sono ben cinque le tappe siciliane da percorrere a piedi per un totale di 62 km circa, traversando Priolo, Melilli, Sortino, Villasmundo, Brucoli per poi con l’autobus arrivare alla Verna. Nel luogo dove San Francesco ha ricevuto le stimmate ci sarà una giornata di ritiro, per prepararsi alla giornata del Perdono di Assisi.

LEGGI ANCHE: Al posto tuo. Parte da Grosseto la 39esima marcia francescana 


LA MARCIA DI POGGIO BUSTONE

Poggio Bustone, nella Valle Santa in provincia di Rieti, si avvia a svolgere i festeggiamenti del Perdono francescano che culmineranno con la tradizionale marcia del 2 agosto, appuntamento di notevole interesse nel panorama della Valle Santa Reatina, per i tanti pellegrini provenienti da diverse parti che scelgono il Convento di San Giacomo come meta privilegiata per lucrare l’indulgenza del Perdono.

La permanenza di Francesco a Poggio Bustone, come scrive frontierarieti.com, rappresenta uno dei momenti cruciali della vita del Santo, con il romitorio superiore o Sacro Speco ricordato come il luogo della remissione dei peccati e il santuario di San Giacomo l’origine della sua missione di pace.

È proprio in quella piccola spelonca isolata e nascosta, la grotta delle rivelazioni, a poco più di trenta minuti di cammino dal santuario che, nel lontano 1209, apparve l’angelo fanciullo al poverello di Assisi annunciandogli la remissione dei peccati e segnare così l’inizio di quel percorso che si sarebbe concluso il 2 agosto del 1216, con la richiesta del Grande Perdono fatta da San Francesco davanti a Onorio III – in quei tempi si trovava a Perugia – che sedeva sul soglio di Pietro dopo la morte di Innocenzo III.

LEGGI ANCHEMarcia Francescana al via la 39esima edizione

GUARDA IL VIDEO 

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA