societa

Bruno Latour: Ascoltiamo urlo della terra

Antonio Spadaro Pixabay

I suoi lavori sulla crisi climatica

Bruno Latour, filosofo, sociologo, antropologo è professore emerito dell'Università Sciences Po a Parigi. Tradotto in una trentina di lingue, è l'autore francofono contemporaneo più letto al mondo. I suoi lavori sulla crisi climatica lo hanno reso una figura di rilievo mondiale sulla questione ecologica. Vive vicino all'Odéon, nel cuore del Quartiere Latino. Da lì risponde alle domande di questa conversazione, che verrà pubblicata integralmente su La Civiltà Cattolica il 7 maggio.

Lei ha spesso elogiato il carattere profetico della "Laudato si'" di papa Francesco. Perché?
«Stavo cercando di cogliere quella che chiamo "una mutazione cosmologica", che è anche una mutazione nei rapporti tra materialità, spiritualità, politica ecc.; tutto ciò che rimette in discussione il cambiamento delle nozioni di "Mondo" e "Natura" a beneficio della Terra. Sono rimasto stupito, leggendo la Laudato si' , nel vedere come la dimensione profetica ed escatologica della nuova situazione si trovasse espressa in modo magnifico e del tutto esplicito. La riflessione sulla Natura degli ultimi tre secoli aveva ignorato i temi di spiritualità cristiana che la nuova situazione ecologica imponeva. Il testo interessava i miei amici ecologisti, gli scienziati delle cosiddette "scienze naturali", in un modo che chiaramente apriva un nuovo dialogo, divenuto impossibile forse a partire dal XVII secolo».

Che cosa trova in sintonia con l'emergenza della nuova situazione cosmologica?
«Tecnicamente, il punto fondamentale è quello della nuova comprensione dei viventi e di una nuova concezione del mondo. Collegando il grido della Terra e il grido dei poveri, il Papa da un lato stabilisce un legame tra ecologia e ingiustizia, e dall'altro prende atto del fatto che la Terra, in qualche modo, potremmo dire, si emoziona, può agire e soffrire... (Repubblica 4 maggio 2022)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA