NOTIZIE > religione

Chiude un convento, un altro è a rischio: l'estate bollente dei frati di Carpi e San Severino

Due brutte notizie aleggiano sull'universo francescano in Italia

di Gelsomino Del Guercio

Due brutte notizie aleggiano sull'universo francescano in Italia. A meno di interventi "miracolosi", di un cambio di rotta della Provincia o di una "intercessione" dell'arcivescovo, Carpi perde i frati minori, che costituiscono attualmente la piccola comunità di San Nicolò.

IL NODO CARPI

A settembre l'addio. Padre Floriano, a capo del convento dal 2016, aveva precisato già alcune settimane fa, sulla stampa locale, che i ritardi nel restauro della chiesa, gestita dai frati, danneggiata dal terremoto c'entravano nulla con la decisione dell'Ordine, legata esclusivamente alla crisi delle vocazioni che sta svuotando diverse comunità conventuali. E che obbliga il Capitolo della Provincia del Nord Italia ad accorpare i religiosi rimasti.

Questo è accaduto anche per la comunità di Carpi che si appresta a chiudere i battenti tra l'amarezza dei tanti fedeli, affezionati ai frati.

LEGGI ANCHE: Dopo 800 anni chiude il convento dei francescani di San Marino

IL CASO MAZZARINO

Sul filo di lana anche il convento di Mazzarino, in provincia di Caltanissetta. Anche in questo la chiusura è a un passo. Il Ministro Provinciale, Padre Pietro Giarracca, in una lettera ai fedeli, ha spiegato le ragioni del ridimensionamento della presenza francescana. Tra Siracusa, Messina e Palermo, i cappuccini si stanno sempre più assottigliando. L'età media avanza, al contempo, e soluzioni all'orizzonte non se ne intravedono: l'unica è la chiusura dei conventi.

L'attuale superiore di Mazzarino sarà trasferito a Ragusa, mentre il parroco andrà a Sortino, in provincia di Siracusa.

LA LETTERA DEL MINISTRO

I cittadini si stanno mobilitando. Il sindaco avrebbe chiesto un confronto con il ministro, il vescovo e le confraternite locali. Ma le parole di Fra Pietro sono inequivocabili: «Questa decisione è stata difficile ed è frutto di un cammino. Portarla a compimento sarà dolorosa». Come a dire, c'è poco da trattare, il dado è tratto.

LEGGI ANCHE: Francescani tra luci e ombre: un convento chiude in Sicilia, ma se ne riapre uno in Svizzera



Gelsomino Del Guercio

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits