francescanesimo

BIMBO IN ELMETTO, LA PROVOCAZIONE DEI FRATI DI ASSISI CON FOTO TOSCANI  RICHIEDI IL NUMERO SPECIALE

Roberto Pacilio Oliviero Toscani

Ma siccome le guerre non finiscono mai, i bambini continuano a nascere negli elmetti.

Uno scatto provocatorio, quello di Oliviero Toscani, che parla più di qualsiasi altro articolo. La foto in copertina, della rivista San Francesco di dicembre, ritrae un bambino adagiato in un elmetto militare. "E’ una mia vecchia foto fatta mentre c’era la guerra nella ex Yugoslavia. Ma siccome le guerre non finiscono mai, i bambini continuano a nascere negli elmetti. Per fortuna - dichiara il fotografo - Giuseppe era un falegname non un soldato".  L'immagine proposta da Toscani è di forte impatto e mette a nudo la realtà mondiale: conflitti che falciano la vita tra i civili senza nessuna distinzione, uccidono bambini o li rendono orfani.

Richiedi il numero speciale del periodico con l'esclusiva copertina CLICCA QUI 

"La troppa brutalità e le tante guerre nel mondo ci hanno convinto a lanciare un messaggio, ancora una volta forte, per poter scuotere le coscienze e intraprendere la strada coraggiosa della nonviolenza. Per questo - dichiara il direttore della rivista San Francesco, padre Enzo Fortunato - abbiamo scelto l'immagine di Oliviero Toscani che ritrae un bambino in un elmetto come foto di copertina. Una 'natività' sui generis che anticipa il numero di gennaio dedicato al messaggio di Papa Francesco per la 50a Giornata mondiale della Pace e alla lettera inviata al Presidente siriano, Assad".

Il mensile francescano dedica anche un ampio servizio di 16 pagine sul Natale: il presepe della Basilica di san Francesco allestito sulle macerie della Basilica di Norcia; gli auguri di Papa Bergoglio e dei frati di Assisi; il Natale negli affreschi di Giotto; la visita del premio Nobel per la pace Santos.


Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA