fede

San Giovanni Nepomuceno Neumann e la sua storia

REDAZIONE FAMIGLIA CRISTIANA www.svmaria.com

Nato il 28 marzo 1811 a Prachatitz in Boemia (allora parte dell’impero austriaco), nel 1831 entrò in seminario e durante gli studi di teologia avvertì la vocazione missionaria. Il vescovo di Budejovice, per non accrescere il già eccessivo numero di preti diocesani, gli differì l’ordinazione sacerdotale a tempo indeterminato; ma poiché il direttore spirituale aveva proposto al giovane di recarsi negli Stati Uniti perché i vescovi nordamericani avevano chiesto l’invio di sacerdoti, egli partì nel febbraio 1836 come semplice chierico e, sbarcato a New York, il vescovo Giovanni Dubois lo ordinò diacono il 24 giugno e il giorno dopo sacerdote, mandandolo subito a prendersi cura dei contadini al nord della diocesi, nella zona delle cascate del Niagara. Bene accolto dai coloni, ma avversato dagli amministratori locali e dai protestanti, egli reagì con uno straordinario zelo aiutando i poveri, curando il decoro della chiesa e il buon funzionamento della scuola. Nel 1840 entrò tra i Redentoristi, i religiosi fondati da S. Alfonso Maria de’ Liguori e dopo la professione (nel 1842) fu incaricato di visitare ogni 3 mesi una decina di stazioni missionarie; poi fu eletto superiore della casa di Pittsburg e parroco e quindi, dal 1851 al 1852, rettore della chiesa di S. Alfonso a Baltimora. Lì ricevette la nomina a vescovo di Filadelfia. All’indomani del suo ingresso in diocesi cominciò la visita alle scuole, agli asili, agli orfanotrofi, agli ospedali, alle carceri e ai collegi religiosi. Fondò 80 nuove chiese, organizzando in ognuna l’opera delle Quarantore e delle scuole parrocchiali: queste ultime da due salirono a cento, ordinate secondo uno schema didattico ed economico talmente preciso da formare l’ossatura delle moderne scuole cattoliche americane. Per gli ospedali e gli orfanotrofi istituì le suore del Terz’Ordine di San Francesco. Neumann morì d’infarto il 5 gennaio 1860. Beatificato nel 1963 da Paolo VI, fu dallo stesso canonizzato il 19 giugno 1977.