cultura

ENCERRADOS, DIETRO LE SBARRE DEL SUD AMERICA IN BIANCO E NERO

Marco Martellini Valerio Bispuri - Contrasto

VIAGGIO FOTOGRAFICO DI VALERIO BISPURI SULLE CONDIZIONI DI VITA NELLE CARCERI

ENCERRADOS di Valerio Bispuri è un ritratto forte, angosciante, drammaticamente realistico sulle condizioni di “vita” nelle carceri del Sud America. Un progetto fotografico durato 10 anni che ha portato l’autore nella realtà di 74 prigioni, da Buenos Aires a Caracas e poi in Cile, Perù, Colombia, Ecuador, Bolivia, Uruguay e Brasile. Encerrados è un percorso nato dal desiderio di raccontare un continente attraverso il mondo dei detenuti; le foto di Valerio Bispuri, fotoreporter professionista che ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti internazionali, sono il riflesso della società, lo specchio di quello che succede nel Sud America: dai piccoli drammi alle piccole grandi crisi sociali ed economiche.


Sfogliando il libro, un'immagine dopo l'altra, si ha una nuova concezione della prigione; assume i contorni di una comunità, un ambiente con ritmi e spazi precisi, un non-luogo ai limiti delle condizioni umane. Tutto questo si può osservare attraverso le sbarre di metallo, dietro le recinzioni, all’interno delle celle, nei corridoi oscuri e stretti. Osserviamo, in bianco e nero, i volti dei detenuti, i loro sguardi impersonano perfettamente la denuncia sociale messa in atto dal fotografo.

Quella di Bispuri è stata un’avventura coraggiosa “nei reparti dove nemmeno le guardie entrano più”.  Ne è un esempio quanto entra nel padiglione numero 5 del carcere di Mendoza in Argentina, "Contrariamente al volere del direttore decisi di entrare, - racconta il fotografo - assumendomi tutte le responsabilità e non senza una buona dose di paura". Entra senza nessuno che lo accompagni. All’interno del Padiglione numero 5 ci sono novanta detenuti, tra i più pericolosi, nonostante ciò nessuno gli fa del male, anzi gli mostrano cosa fotografare e chiedono di raccontare cosa ha visto, le disumane condizioni in cui sono costretti a scontare la loro pena.


Questa ed altre esperienze simili hanno permesso a Valerio di capire molte cose sulle regole di questo ambiente chiuso, le leggi che lo abitano; ha avuto la possibilità di vivere sulla propria pelle l’esperienza del carcere attraverso il contatto con migliaia di detenuti e di guardie, spinto sempre dal desiderio di raccontare.

“Non dimentico l’urlo di un ragazzo di Como, dentro per spaccio di cocaina, - racconta Bispuri - che mi ha salvato la vita avvisandomi di uscire immediatamente perché era pronta per me una siringa di sangue infetto”.

Encerrados non è un libro sulle prigioni; è un libro sulla libertà perduta, su una libertà mai avuta” scrive Roberto Saviano. “L’obiettivo di Bispuri era puntato sulla mancanza di libertà che spesso precede e segue la vita di chi finisce in prigione. La mancanza di libertà, e quindi di scelte, è ciò che ha condannato le migliaia di detenuti che Bispuri ha raccolto con il suo obiettivo”.


Encerrados è un reportage che si eleva a racconto universale. Fornisce una  nuova visione sul mondo. "Ci obbliga - come scrive Luca Tortolini di Redattore Sociale -  a guardare gli altri diversamente, nuovamente, come se stessimo guardando noi stessi per la prima volta".

Encerrados edizione Contrasto, pp. 143 costo 35,00€

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA