cronaca

Yunus: Togliete i brevetti ai vaccini

Redazione Ansa - Alessandro Di Marco

Il premio Nobel: L'egoismo di pochi minaccia il pianeta

I vaccini ci sono, ma non sono e non saranno per tutti. E' su questo che si sta consumando una battaglia globale e violenta destinata a metterci alla prova. Uscire dalla pandemia sembra infatti essere un percorso ad ostacoli, dove seppure il pericolo del Covid-19 continua a mietere vittime, non sembra essere abbastanza da riuscire a convergere su una solidarietà globale con un fine unico e alto: debellarlo ovunque si annidi e a qualsiasi prezzo. Quella porta chiusa ai paesi più poveri con la decisione del Wto di non accettare la deroga ai brevetti, ha evidenziato che gli interessi individuali ed economici, stanno vincendo la partita insieme al virus. Il Premio Nobel per la pace Mohammad Yunus, con al seguito personalità di alto profilo, si è fatto promotore di un' iniziativa globale per la liberalizzazione dei brevetti.

Professor Yunus, che ripercussioni può avere questa scelta del Wto ?

«Non vedo molto sostegno da parte dei leader politici per rendere il vaccino un bene senza brevetto. L' iniziativa intrapresa dall' India e dal Sud Africa durante la riunione del Wto è stata una grande speranza. Ma non è riuscita a generare sostegno dai paesi ricchi. Molti paesi che hanno ricevuto la prima fornitura di vaccini potrebbero non ricevere i rifornimenti successivi o in prossimità di essa, se la capacità di produzione globale viene mantenuta legata alla capacità delle società farmaceutiche proprietarie di brevetti. Nel frattempo le frustrazioni in tutto il mondo non possono che essere espresse come "apartheid vaccinale", "nazionalismo vaccinale" o "tribalismo vaccinale". Molti leader hanno già sottolineato la crisi morale che questa situazione rappresenta per tutti noi».

Perché la politica non è riuscita a tradurre una voce così plurale e di alto profilo?

«I leader politici considerano più nel loro interesse sostenere le grandi aziende che contribuiscono all' economia nazionale. Ma di fatto scelgono il profitto, di proteggere l' economia a spese delle persone. In termini politici, le nostre voci non hanno potuto contrastare il peso delle aziende farmaceutiche così come quelle che beneficiano delle loro attività».

Sull' aspetto economico, i paesi più poveri hanno meno tutele, a maggior ragione la pandemia sconvolgerà diversi equilibri. Quali sono i rischi più gravi che questi paesi si troveranno ad affrontare nei prossimi anni?

«Tanto per cominciare, gli equilibri nelle società colpite dalla pandemia non erano saldi. Il mondo era su un percorso suicida, e ad un punto di esplosione. La macchina economica pre-pandemica creava continuamente distanza tra le persone e la ricchezza. Questa macchina ha mantenuto la maggior parte degli esseri umani nella parte inferiore del livello di reddito, mentre il 99% della ricchezza è distribuito a una manciata di persone. La pandemia ha peggiorato questa distanza tra le persone e la ricchezza perché le persone hanno perso il loro reddito e il loro sostentamento in modo massiccio mentre il reddito e la ricchezza dei super ricchi continuavano a salire. In questo quadro, la pandemia ha almeno fermato o rallentato il motore economico e ci da l' opportunità di costruire un nuovo motore economico in grado di unire persone e ricchezza e di tenerle insieme. Perché non solo la macchina economica pre-pandemica ci stava portando a un punto esplosivo, ma stava anche per distruggere il mondo attraverso il riscaldamento globale. Stavamo vivendo in una casa in fiamme e invece di spegnere il fuoco eravamo impegnati a fare una grande festa all' interno della casa per celebrare i nostri successi economici. La questione dei vaccini è diventata il simbolo di quanto siamo insensibili al nostro futuro. Dimentichiamo che gli esseri umani sono diventati la specie più minacciata del pianeta. Non c' è modo di sfuggire al nostro percorso suicida a meno che non lo riconosciamo e decidiamo di cambiare il nostro percorso. Dobbiamo dimostrare la nostra consapevolezza a partire dal vaccino: il vaccino non riguarda solo la protezione da un virus, ma la protezione da noi stessi». (L'intervista completa su La Stampa di oggi)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA