societa

Giornata dell'istruzione: un diritto per tutti i bambini

Marina Tomarro Pixabay

L'educazione scolastica come strumento per uscire dalla povertà

Su 720 milioni di bambini in età scolare elementare, la povertà educativa colpisce 382 milioni i bambini, i quali a causa di mancanza di opportunità educative, non hanno accesso alla fruizione culturale, al diritto al gioco e alle attività sportive. Quest’anno a causa dell’emergenza sanitaria la situazione è nettamente peggiorata. Il Covid-19 potrebbe far crescere questo dato di oltre 72 milioni e quindi portare il numero totale a 454 milioni di bambini in povertà educativa. Infatti, la chiusura delle scuole in 180 Paesi ha lasciato 1.6 miliardi di studenti a casa. In alcuni casi sono stati anticipati o posticipati i periodi di vacanza, in altri casi le chiusure scolastiche sono andate avanti per più di 5 mesi consecutivi. Molti Paesi sono riusciti a raggiungere con la didattica a distanza milioni di studenti, ma più della metà dei ragazzi e delle ragazze di tutto il mondo è rimasta tagliata fuori. Diverse le misure adottate in ogni parte del mondo per cercare di non bloccare del tutto la didattica. Dall’insegnamento a distanza ai programmi radiofonici, alle trasmissioni televisive educative, fino al materiale didattico consegnato alle famiglie.

Il divario dell’educazione nei Paesi a basso reddito

Eppure nonostante i grandi sforzi, l’apprendimento da remoto, non è riuscito a raggiungere tutti. Soprattutto in Paesi più svantaggiati, come l’Africa, l’America latina, l’Asia del sud, sono stati milioni i piccoli, che non avendo gli strumenti per seguire a distanza, sono rimasti fuori dal diritto allo studio.  In questi luoghi inoltre, la scuola rappresenta spesso l’unico luogo sicuro dove i minori possono crescere in maniera dignitosa, ricevendo almeno un pasto caldo al giorno e rimanendo al sicuro dalle violenze che spesso subiscono. Adesso la maggior parte di loro rischiano di essere costretti al lavoro minorile, e per le bambine sale il pericolo di matrimoni e gravidanze precoci. L'ultimo rapporto dell'ONU sull'istruzione ai tempi del Covid-19 riporta che il deficit di apprendimento dovuto alla chiusura delle scuole sta minacciando il progresso fatto negli ultimi decenni soprattutto per ragazze e giovani donne. Circa 23,8 milioni di studenti dalle materne ai licei potrebbe abbandonare gli studi a causa dell'impatto economico. (Vatican News)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA