religione

San Roberto Bellarmino, scopri la vita del santo

Redazione Famiglia Cristiana

Nato il 4 ottobre 1542 a Montepulciano da famiglia nobile, a diciotto anni entrò nel noviziato gesuita di Sant’Andrea al Quirinale, a Roma. Compì gli studi di filosofia al Collegio Romano e quelli di teologia a Padova e a Lovanio dove, appena ordinato sacerdote, fu destinato all’insegnamento della teologia con il compito anche di predicare in latino agli universitari. A Lovanio il clima era surriscaldato per le teorie di Michele Baio, che non erano molto diverse da quelle dei riformatori.

Bellarmino iniziò i suoi corsi prendendo come libro di testo la Summa theologiae di san Tommaso d’Aquino e il successo fu immediato. Con carità e grazie alla sua conoscenza sbalorditiva della teologia confutò la dottrina del Baio che più tardi abiurò i suoi errori. Nel 1576, essendo stata istituita nel Collegio Romano una cattedra di Controversie, il Bellarmino fu chiamato ad esserne il primo maestro. Le sue lezioni, frequentate da un pubblico cosmopolita, ebbero vastissima risonanza in tutta Europa.

 Tra il 1586 e il 1593 pubblicò le famose Disputationes de Controversiis Christianae Fidei, che ebbero un grande successo: esse costituiscono una solida difesa della dottrina cattolica secondo un procedimento basato sulla Scrittura, i Padri della Chiesa e la storia, e si possono definire una Summa teologica di nuovo stile, poiché attingono direttamente alle fonti con abbondanza, pertinenza e chiarezza esegetica. Nel 1592 fu eletto rettore del Collegio Romano, due anni dopo superiore della provincia gesuitica di Napoli, poi richiamato a Roma da Clemente VIII come consultore del Sant’Uffizio.

Nel 1599 fu creato cardinale e nel 1602 arcivescovo di Capua, ma dopo tre anni il nuovo papa Paolo V lo volle ancora a Roma per importanti incarichi. Prevedendo la morte, il santo ottenne dal Pontefice di trasferirsi nel noviziato dei Gesuiti, dove si spense, recitando il Credo e invocando il Signore, il 17 settembre 1621. Pio XI lo beatificò nel 1923 e lo canonizzò nel 1930, dichiarandolo, l’anno dopo, dottore della Chiesa. FAMIGLIA CRISTIANA