NOTIZIE > religione

Papa a Camerino, perché "non ci sia il terremoto delle promesse"

Nella città marchigiana colpita dal sisma dell'ottobre 2016

di Annachiara Valle
Papa a Camerino, perché
Credit Foto - Famiglia Cristiana

Non ci sono bandiere bianche e gialle in giro per la città. Camerino accoglie il Papa con il suo silenzio. Nel capoluogo marchigiano devastato dal sisma dell'ottobre 2016. «Ricostruzione assente. Fondi sisma ai terremotati», recita lo striscione sventolato all’atterraggio dell’elicottero al Centro sportivo dell’università di Camerino. Francesco vuole subito incontrare le persone. Pochi passi ed entra nelle casette del Sae, le strutture abitative emergenziali che ospitano i terremotati. Scherza con una signora che gli offre pasticcini: «Lei non li mangia, non saranno avvelenati?», dice mentre l’anziana si affretta a dimostrare la bontà dei dolci. E poi incontra un signore solo che piange di commozione, una famiglia con il suo cagnolino, che chiede, emozionatissima, un selfie. «Non perdere la speranza, guardare avanti» dice a una coppia di anziani coniugi. «Oggi è il più bel dono che la vita ci ha fatto», risponde la signora stringendogli la mano. Una nonna di 92 anni, con il nipote che fa parte dell’associazione «Io non crollo». «Grazie per questa scommessa sulla speranza», dice Francesco. Sono le sei le casette in cui Bergoglio entra «che rappresentano tutta la popolazione terremotata», sottolinea l’arcivescovo, monsignor Francesco Massara. 

«Avrei voluto visitare tutte le case, ogni casa, ma non è possibile, per questo vi saluto da qua e do la benedizione a tutti voi», dice papa Francesco rivolto a quanti aspettano dietro le transenne. «Sono vicino e prego per voi perché questa situazione si risolva prima possibile. Grazie della vostra pazienza e del vostro coraggio». Poi, da località Cortine, dopo aver salutato anche gli scout che lo ringraziano della vicinanza, si sposta nella Cattedrale, inagibile dopo il sisma. Qui incontra i 32 sindaci della diocesi. «Un incontro importante», dice il vescovo,  «perché dice di quanto le istituzioni locali siano attente alla situazione dei territori. Perché qui rischiamo di avere tre terremoti: uno è stato il terremoto delle strutture che è quello visibile, il secondo terremoto, che è quello invisibile, è quello interiore fatto di tante sofferenze nel cuore delle persone perché hanno perso le loro cose, i loro affetti, i loro sacrifici. E il terzo terremoto è quello che sta distruggendo le promesse. Camerino non è mai stata sotto i riflettori e, forse proprio per questo, la ricostruzione non è mai partita. Aspettiamo che si firmino le ordinanze, che vengano stanziati i fondi promessi, che si possano rimettere in piedi le attività produttive, oltre che le case e le chiese. La gente comincia a scoraggiarsi. È cresciuto del 72 per cento l’uso degli ansiolitici e, purtroppo, abbiamo avuto diversi suicidi, sia diretti che indiretti, cioè di gente che si lascia morire non mangiando o non curandosi. Di questo i sindaci sono consapevoli e questo raccontano al Papa». FAMIGLIA CRISTIANA

--------------------------------------------------------------------


"Abbiate speranza, andate avanti": il Papa lo ha ripetuto a tutte le famiglie delle Sae, le strutture abitative emergenziali, che ha visitato personalmente a Camerino, prima tappa della sua visita nella cittadina in provincia di Macerata, colpita dal sisma di tre anni fa. Sei in tutto, un'intera fila di 'casette', diversamente dalle due-tre previste dagli organizzatori. "Sono vicino ad ognuno di voi, prego per voi, perché questa situazione si risolva il più presto possibile. Grazie della vostra pazienza e del vostro coraggio, pregate per me", ha detto il pontefice.

    Poi Francesco è entrato nella cattedrale di camerino, tuttora inagibile, con un casco di protezione accompagnato dai Vigili del Fuoco. ANSA


Annachiara Valle

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits