religione

25 APRILE, FESTA DI SAN MARCO EVANGELISTA

Redazione online

Non sappiamo come e quando Le sue reliquie sarebbero state traslate a Venezia nel IX secolo ad opera di mercanti veneti

L’autore del più antico testo evangelico è chiamato nel Nuovo Testamento ora col nome ebraico di Giovanni, ora col nome latino di Marco, ora come Giovanni Marco. Essendo cugino di Barnaba, uno dei più stretti collaboratori di Paolo, dopo aver seguito l’Apostolo nella sua prima missione evangelizzatrice, torna improvvisamente a Gerusalemme facendolo indispettire, tanto che egli si rifiuta di prenderlo con sé nel secondo viaggio; allora lui parte per Cipro con Barnaba. Più tardi avviene la riconciliazione e Paolo inviterà i cristiani di Colossi ad accogliere Marco come suo rappresentante. Poi ecco il determinante contatto a Roma con Pietro di cui egli diventa l’interprete e il portavoce autorizzato, scrivendo accuratamente, tra l’anno 55 e il 62, le cose dette e fatte da Gesù: nasce così il secondo Vangelo, che ha una sua creatività narrativa ed un suo stile originale caratterizzato da una immediatezza di sapore giornalistico, offrendo una sua interpretazione della figura di Cristo che non aveva conosciuto di persona, ma basandosi sulla testimonianza oculare di Pietro. Questo testo sarà usato come fonte da Matteo.

Della vicenda del santo abbiamo vari dati, a partire dalla sua famiglia. Marco era figlio di una cristiana di nome Maria, residente a Gerusalemme e, dopo l’esperienza con Paolo e con Pietro, secondo la Storia ecclesiastica di Eusebio di Cesarea (III-IV secolo) evangelizzò l’Egitto fondando la Chiesa di Alessandria, della quale fu il primo vescovo e dove morì martire. Non sappiamo però come e quando Le sue reliquie sarebbero state traslate a Venezia nel IX secolo ad opera di mercanti veneti, e da allora Marco è rimasto inscindibilmente legato alla città lagunare, come dimostrano la splendida basilica a lui dedicata e il ciclo di mosaici biblici con una sezione riservata alle storie del santo. Il suo simbolo, tra quelli assegnati per tradizione agli evangelisti, è il leone, divenuto popolare anche nella storia dell’arte. (Famiglia Cristiana)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA