NOTIZIE > home

Il Signore mi donò dei fratelli



Proponiamo ai lettori della Rivista san Francesco, il discorso di Sr. M. Patrizia Nocitra, osc (Monastero “Santa Speranza”), tenuto al V Iternational Meeting di Assisi di "Giovani Verso Assisi"

“IL SIGNORE MI DON DEI FRATELLI”[FF 116] - VIVERE IL VANGELO IN FRATERNIT -

PRIMA DI TUTTO

Prima di entrare nella riflessione proposta, vorrei soffermarmi a considerare le parole che compongono il tema di questo incontro: il Signore mi donò dei fratelli, espressione tratta dal testamento di S, Francesco. Parlare di fraternità potrebbe costituire un grosso rischio di teorizzare una realtà che è molto concreta, perch è fatta di persone, volti, storie. Quello che faremo, oggi, è semplicemente cercare di comprendere la fraternità in relazione alla nostra vita, alla nostra esperienza; ci chiederemo se veramente la fraternità è presente nella nostra quotidianità e che senso le diamo. Certamente il nostro lavoro si svolge alla luce dell'esperienza di Francesco e Chiara d'Assisi; partiremo da questo fratello e da questa sorella per entrare nella nostra esistenza.

? La prima cosa che emerge da questa espressione è che Francesco è messo di fronte ad una triplice relazione data dai tre termini contenuti nella frase:
? il Signore - Dio
? mi donò - me stesso
? dei fratelli - gli altri
Nell'interazione di queste tre realtà si viene a sviluppare la fraternità come vincolo che unisce i tre termini della relazione: Dio, la persona e gli altri, che Francesco definisce già con il nome di fratelli. interessante notare che per il Santo non c'è un generico “altri”, ma vi è già una identità precisa, al di là delle possibili e previe conoscenze, li chiama “fratelli”.
In questa riflessione vorrei considerare la fraternità alla luce di questa relazione.

? Fraternità, nel dizionario della lingua italiana, è definita come vincolo naturale d'amore che esiste tra fratelli; suo sinonimo è fratellanza; estens. sentimento di solidarietà, di amicizia simile a quello che lega tra loro i fratelli.
Vorrei sottolineare, dunque, che fraternità innanzitutto ci rimanda all'esperienza familiare della consanguineità. Il termine greco equivalente al nostro fratello adelfòs significa etimolo-gicamente «dello stesso delfùs», dello stesso utero. A determinare l'esperienza della fraternità c'è quindi questa fondamentale consapevolezza di una coappartenenza: veniamo dallo stesso utero, dalla stessa madre. Anche nel significato traslato ed esteso del termine rimane comunque tale riferimento: questo utero si può dilatare, può abbracciare non solo la famiglia biologicamente intesa, ma anche un clan, coloro che si richiamano al medesimo capostipite, mitico o non mitico. Nella forma più estesa della fraternità, quella che considera tutti gli uomini come fratelli fra loro, è comunque necessario l'affermarsi della fede in un unico Dio, padre e creatore di tutti, per giungere alla consapevolezza di una fraternità fra tutti gli uomini.

Alcuni tratti tipici della fraternità:

1. Innanzitutto la fraternità non si costituisce solamente su un piano orizzontale di rapporti. Non bastano la simpatia o l'affinità a costruire la fraternità: è imprescindibile la linea verticale, con il suo riferimento a un padre e a una madre comuni. In un linguaggio già religiosamente determinato, potremmo dire che l'uomo viene restituito all'uomo come fratello quando viene restituito a Dio come padre, o viceversa che la fraternità sorge dalla rivelazione di un padre comune. Perch ci sia fraternità è necessaria dunque questa verticalità, non soltanto l'esperienza di un rapporto orizzontale.

2. A questa prima osservazione ne segue immediatamente una seconda: l'essere fratelli non dipende dalla scelta, ma da un'accoglienza. Se fra amici ci si può scegliere, fra fratelli ci si deve accogliere; o ci si accetta, o ci si rifiuta. Nella fraternità il fondamento della relazione non è l'elezione, ma l'accoglienza.

3. Si può ancora approfondire questo elemento con una terza osservazione: perch ci sia fraternità devo riconoscere l'altro come fratello. Si tratta appunto di un riconoscimento. Non sono io a creare o a predeterminare le condizioni della fraternità, io le posso solo accogliere e riconoscere. Questo significa che l'esperienza della fraternità non rientra nell'ambito di ciò che posso produrre con la mia volontà, con lo sforzo delle mie mani o con la fantasia della mia intelligenza; ha sempre la dimensione di un dono che mi precede, e dunque anche la dinamica di una vocazione che mi chiama e mi interpella personalmente. Quella della fraternità è sempre esperienza di vocazione e quindi di responsabilità: devo rispondere all'appello della fraternità. Non è un caso che nella prima pagina biblica sulla fraternità, l'episodio di Caino e Abele, ritornino entrambi questi temi: la necessità di custodire il fratello come pure di rispondere del fratello e al fratello.

4. Infatti, ed ecco una quarta osservazione, inscritto nella fraternità c'è anche il tema del rispondersi reciprocamente, e dunque del corrispondersi. La fraternità chiede reciprocità, come pure postula una certa parità fra fratelli, la quale tuttavia, e questo la Bibbia lo sottolinea continuamente, appare sempre molto esile, facilmente contestata. Il tema biblico ricorrente per sottolineare la fragilità della relazione nell'ambito della prima forma di fraternità, quella carnale, è l'indagine sul difficile rapporto fra figlio maggiore e figlio minore, che incontriamo in particolare nel libro della Genesi. Anche nell'ambito della fraternità più allargata ritorna la sottolineatura di una relazione che, se da un lato esige parità, dall'altro risulta continuamente esposta alla sua smentita.

5. Comunque sia, l'accoglienza del fratello passa sempre attraverso il riconoscimento della sua diversità. La Bibbia ha tutt'altro che una visione idealizzata della fraternità, il suo sguardo è al contrario molto disincantato, tanto che la fraternità è spesso giudicata come il luogo maggiormente esposto all'esplodere del conflitto, o quanto meno della difficoltà.

6. Un sesto carattere segnala che la fraternità circoscrive sempre uno spazio, una sfera di appartenenza: c'è un «dentro» e un «fuori», un luogo della fraternità che si costituisce rispetto a un fuori, che rimane luogo dell'estraneità. Questo «fuori-dentro», tipico dell'esperienza della fraternità, non va inteso esclusivamente in senso negativo: non mancano certamente alcuni aspetti deteriori che vanno ricordati, []ma non dobbiamo dimenticare il suo tratto più positivo: il dentro della fraternità crea sempre un'intimità, un calore familiare, un focolare domestico, un senso di coappartenenza, una profondità di relazioni che sono indispensabili per la maturazione della persona. Ciò significa che la fraternità è anche luogo della profondità, dell'intimità della relazione che personalizza e rende concreta la nostra apertura all'amore. Quando nella sua Prima lettera Giovanni afferma che «chi non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede» (1 Gv 4, 20b), dobbiamo intendere questa affermazione in tutta la sua concretezza, anche corporea e sensoriale. proprio colui che vedo, che tocco, con il quale mi relaziono ogni giorno, che devo amare: il fratello che mi sta di fronte, non quello che immagino in astratto. Il dentro della relazione fraterna è lo spazio della personalizzazione dell'amore, il luogo dove l'amore non rimane una buona intenzione, molto generica, ma si fa parola, sguardo, accoglienza. Vivere l'amore fraterno nella reciprocità delle relazioni domestiche è anche la condizione per imparare a espandere la propria capacità d'amore al di là della reciprocità, in un atteggiamento di sincera gratuità. Sono però necessarie entrambe queste dimensioni, la reciprocità e la gratuità, per quanto sia difficile tenerle armonicamente insieme, perch la reciprocità corre il rischio della chiusura, mentre la gratuità quello di diventare astratta e disincarnata. C'è un rapporto simbolico, un costante rimando fra gratuità e reciprocità nella relazione fraterna [].

7. Ricordo un ultimo tratto tipico dell'esperienza della fraternità: attraverso di essa l'altro mi costituisce in una nuova identità. Nel momento in cui chiamo l'altro «fratello», io conferisco un nome nuovo anche a me stesso, appunto quello di fratello. Non posso chiamare l'altro «fratello», se nel contempo non riconosco questa mia nuova identità personale che l'esperienza della fraternità mi dona di vivere. Riconoscere di avere un fratello significa sempre accedere a una nuova conoscenza di se stessi. Nella reciprocità del rapporto con l'altro dico il mio senso nel momento in cui dico il suo senso, nego il mio senso nel momento in cui nego il suo. Questo implica che la relazione di fraternità diviene autentica solo se giunge a un impegno totale di vita, che coinvolge tutto l'essere della persona, non solo alcuni aspetti della personalità, la sfera dell'avere piuttosto che quella del fare o dell'agire; l'imperativo della fraternità è un imperativo a essere fratello, prima ancora che a vivere determinate relazioni o a compiere specifiche azioni verso qualcun altro. Ne consegue che occorre che sia l'altro a determinare chi sono: il mio essere fratello non precede la relazione, ma si costruisce attraverso di essa.

Possiamo distinguere tre grandi linee sempre presenti nell'esperienza della fraternità: a) La fraternità nasce in rapporto a un genitore, un padre o una madre, da cui si deriva ed è quindi caratterizzata da una linea discendente: non la si determina dal basso verso l'alto, ma la si riceve dall'alto verso il basso. C'è una linea verticale che è anzitutto una linea discendente.
b) Una seconda linea è quella orizzontale; su di essa non occorre insistere, perch è la più evidente.
c) La terza linea la definirei della profondità. La si può riconoscere in quella dinamica tipica della fraternità per cui l'altro definisce il mio stesso volto, disegnando la mia nuova identità. Accogliendo l'altro come fratello determino me stesso in modo nuovo. D'altro canto questo significa che la relazione fraterna si costituisce non solo sul piano delle relazioni, ma anche su quello della profondità della propria vita, a livello della determinazione di s.

Queste considerazioni ci immettono nel vivo della nostra riflessione:

1. PAGINA BIBLICA: Il dono della fraternità evangelica: essere chiamati
2. PAGINA FRANCESCANA: Francesco e Chiara d'Assisi, uomo e donna fraterni
3. PAGINA ATTUALE: Fraternità?


1. PAGINA BIBLICA: Il dono della fraternità evangelica: essere chiamati Dal Vangelo secondo Marco

Salì poi sul monte, chiamò a s quelli che voleva ed essi andarono da lui. 14Ne costituì Dodici che chiamò apostoli , perch stessero con lui e per mandarli a predicare 15con il potere di scacciare i demòni. 16Costituì dunque i Dodici: Simone, al quale impose il nome di Pietro, 17poi Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanèrghes, cioè «figli del tuono»; 18e Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo, figlio di Alfeo, Taddeo, Simone il Cananeo 19e Giuda Iscariota, il quale poi lo tradì.

? Il brano è diviso in due parti:
1. la sequenza della chiamata: vv. 13-15. La funzione del gruppo dei Dodici è indicata attraverso due proposizioni finali: «affinch (hina) rimanessero con lui» e «per (hina) inviarli ad annunziare e perch avessero l'autorevolezza a espellere i demoni». Quest'ultima si suddivide in due parti: l'invio non è solo per la predicazione, ma è anche in vista della liberazione del male.
2. la lista dei nomi che compongono il gruppo: vv. 16-19. l'elenco dei nomi è aperto da Simone con il soprannome di Pietro e si chiude con Giuda Iscariota, il traditore. La loro posizione nella lista evidenzia la duplice funzione: il capolista sarà il responsabile del gruppo, mentre l'ultimo sarà colui che renderà possibile la cattura di Gesù. I nomi sono uniti dalla congiunzione kai e soltanto i primi tre sono messi in rilievo con i soprannomi dati da Gesù. Simone riceve il nome di Pietro e Giacomo e Giovanni quello di Boanerghes, cioè figli del tuono.
Notiamo, infine, che la struttura del brano mette in evidenza che all'atto di convocazione da parte di Gesù corrisponde l'azione di risposta consistente nell'andare con Lui.

Dalla lettura di questo brano possiamo evidenziare che cosa si intende per fraternità secondo il Vangelo.
Possiamo sottolineare tre aspetti:
a) Gesù chiamò a s quelli che egli volle.
Sapersi chiamati personalmente da Dio costituisce l'esperienza fondamentale di ogni vocazione alla sequela nella fraternità.

b) Fraternità: perch stessero con lui.
La chiamata è sempre personale e la vocazione si situa nella relazione personale, ma l'ambito in cui vivono e si realizzano questa scelta e questa sequela è sempre la fraternità/comunità e la storia reale degli uomini. La vocazione vissuta fuori da questo ambito è un inganno. La fraternità/comunità è il luogo in cui risuona la chiamata, dove questa prende forma concreta. Ogni chiamata è appartenenza ad una fraternità, a crescere in essa, a creare comunione con i fratelli. Quando Gesù chiama, chiama a vivere in comunione con lui e con i fratelli e non è possibile seguire Gesù al di fuori di questo ambito.

c) Per mandarli a predicare e a cacciare i demoni.
Gesù chiama alla sua sequela in fraternità per annunciare e costruire a partire da essa la comunione del Regno nella storia degli uomini. La fraternità diventa la prima testimonianza che il Regno di Dio è realizzabile. Ogni missione incomincia, dunque, dalla propria fraternità per estendersi a tutti i fratelli del mondo.

Ritroviamo qui i tre termini della relazione che Francesco metteva in evidenza (Dio, io, l'altro) e che costituiscono le tre dimensioni antropologiche dell'essere umano all'inetrno delle quali leggere la fraternità:
- Individuale: ogni essere umano è irrepetibile, uno e differenziato dagli altri. La chiamata di Gesù raggiunge la persona nel suo centro e pronuncia il suo nome invitandola alla sequela.
- Sociale: l'uomo è un essere sociale, il cui vivere si definisce come un convivere e il suo farsi persona consiste nel vivere assieme ad altre persone che pronunciano il suo nome. L'uomo è relazione e diventa persona e cresce e si sviluppa soltanto nell'ambito di relazione interpersonali. Gesù, che chiama i dodici a stare con lui, è il fondamento che dà coesione al gruppo perch diventi comunità fraterna, «tralci di un'unica vite» (cfr. Gv 15, 1-9).
- Storica: l'uomo fa la propria vita nel proprio mondo insieme ad altri uomini. Gesù chiama i suoi per costruire delle fraternità, delle comunità che trasformino la storia divisa: far diventare realtà la fraternità universale voluta dal Padre nella missione del Figlio e nello Spirito Santo.

2. PAGINA FRANCESCANA: Francesco e Chiara d'Assisi, uomo e donna di fraternità

A) FRANCESCO

? Dal Testamento di S. Francesco d'Assisi [vv.14-15: FF 116]

E dopo che il Signore mi donò dei frati, nessuno mi mostrava che cosa dovessi fare; ma lo stesso Altissimo mi rivelò che dovevo vivere secondo la forma del santo Vangelo . 15 Ed io con poche parole e semplicemente lo feci scrivere, e il signor Papa me lo confermò.

? In questi versetti del Testamento Francesco descrive il dono della fraternità evangelica. Per maggior chiarezza dobbiamo tenere presente che il Testamento si struttura in tre parti:
- parte storico-narrativa nella quale si ricorda quanto avvenuto;
- parte esortativa di tipo marcatamente legislativo;
- parte interpretativa introduttiva del testo stesso la quale è alla fine, ma di fatto va letta all'inizio per avere le chiavi di lettura per capire il testo.

Inoltre è da tenere presente la dinamica delle fonti biografiche la quale interagisce con il Testamento.

Riprendiamo brevemente le espressioni di Francesco:

1. Il Signore mi donò

Questa espressione può essere compresa a partire da una triplice prospettiva

a) Nel passato: Francesco ricorda i fatti dell'arrivo dei fratelli:
- non aveva cercato nessun fratello,
- viveva il suo rapporto di povertà con Dio e in ciò aveva trovato la pace (1 Cel. 23: FF 359);
- ma la pace e la luce si comunicano e si lasciano incontrare (1 Cel. 23: FF 360) - Nello stesso tempo la gioia quando arrivò il primo fratello, Bernardo di Quintavalle: la concordia delle biografie nella predilezione di Francesco per Bernardo proprio perch fu il primo e il cui arrivo lo liberò dalla paura di essere un pazzo, perch lo confrmò nel cammino che stava facendo.
- Fu un dono di Dio: la sorpresa che colse Francesco nel sentire che alcuni volevano vivere con lui: “abbiamo bisogno di te!”. E' la necessità che fa iniziare ogni storia. b) Nel presente: è la certezza che gli fa giudicare lo stato di difficoltà che aveva con il suoi frati: essi erano nonostante tutto un dono.
- Non esiste più quell'accordo e quell'entusiasmo dei primi tempi.
- Anzi: forse Francesco aveva già sentito le parole: “non abbiamo più bisogno di te”.
- Eppure Francesco ripete che essi sono dei fratelli donati da Dio.
c) Nel futuro: Dio, colui che gli aveva donato i frati, restava il Padre della fraternità, Francesco non doveva “turbarsi” per il futuro dell'ordine (2 Cel. 158: FF. 742).

2. dei frati

a) La doppia relazione presente nel termine fratello:
- comune origine da un unico padre
- uno stato paritario tra loro: condividono la stessa dignità
b) I sentimenti di Francesco. nell'usare il termine
- Non è il padrone o il profeta degli altri, ma “frate Francesco, il più piccolo dei frati” (testamento); si risente quanto detto da Gesù dopo la resurrezione: “va dai miei fratelli e di loro”
- Fratello di tutto il mondo: “frate sole sora luna” (cf. anche FF. 460-461)
c) Come voleva che fossero i sentimenti dei suoi frati:
- Non fonda un “Ordine” sullo stile dei benedettini in un rapporto piramidale fisso, ma una “fraternità” (“protettore di questa fraternità”: Regola FF. 108)
- Il nome che dà ai suoi compagni: “frati minori”: rapporto paritario di servizio e responsabilità guidata dall'amore (Regola: FF. 91) e concretizzazione giuridica perch la fraternità è guidata dai “ministri generali e provinciali che sono servi di tutta la fraternità”.

3. Nessuno mi mostrava cosa dovessi fare - Il dono dei frati rappresenta per Francesco la fatica della responsabilità: Dio gli aveva donato dei fratelli dei quali era responsabile.
- La difficoltà di sapere cosa voglia Dio per la fraternità: aveva risolto il senso della sua vita, ora gli nasceva il problema della fraternità, e nessuno aveva una risposta chiara, nello stesso tempo Francesco sentiva che le forme di vita religiosa a lui contemporanee non erano ciò che Dio voleva da lui.
- La risposta chiesta a Dio: Leggenda dei tre compagni: FF. 1431-1432. Nella ripetuta apertura dei vangeli, prima del contenuto occorre cogliere l'insistenza della ricerca, come lo fu prima della conversione e nell'esperienza dei lebbrosi.

4. ma lo stesso Altissimo mi rivelò che dovevo vivere secondo la forma del santo Vangelo - Mi rivelò: è la convergenza tra l'illuminazione di Dio (le esperienze della Croce dei primi tempi) e la predisposizione esistenziale di Francesco: l'itinerario pellegrinante verso i lebbrosi come esperienza preliminare per il riconoscimento del valore strategico e fondamentale dei testi ascoltati: aveva già attuato quanto sentirà come la “proposta di vita cristiana” che gli veniva da Dio.
- Di vivere secondo la forma del Vangelo: l'ampiezza della proposta evangelica trova nell'esperienza dei lebbrosi e della croce il punto di sintesi ermeneutica di Francesco: la povertà materiale e spirituale per affidarsi unicamente alla paternità di Dio e così andare per il mondo.
- Francesco trova la perla preziosa: il Vangelo
- E io con poche parole la feci scrivere.

5. e il Signor papa me la confermò

- La perla preziosa è confermata dalla Chiesa. Francesco realizza la sua fede nella Chiesa poverella: la rivelazione di Dio deve passare attraverso la verifica della povertà ecclesiale; l'esperienza di Dio si conferma e si verifica all'interno della comunione ecclesiale. Nel 1208 la rivelazione dello stile di vita e nel 1209-10, dopo un periodo di verifica, la conferma ecclesiale.
- Il bisogno e l'urgenza di porre la sua vita all'interno della Chiesa è espresso come elemento iniziale delle due Regole: “frate Francesco promette obbedienza e riverenza”.
- Tensione tra la rivelazione divina e la conferma ecclesiale: il processo di incarnare (a livello ecclesiale e dunque giuridico) l'esperienza della libertà evangelica dura tutta la vita di Francesco, anzi tutta la storia della fraternità francescana

? Leggiamo ora uno spaccato della fraternità evangelica di Francesco:

Piuttosto che stendere un elenco di virtù, Francesco presenta degli uomini reali, i suoi primi compagni, sottolineando di ciascuno la virtù caratteristica. Il frate minore ideale dovrebbe essere la somma vivente di questi aspetti della medesima vocazione. Si noti l'amore col quale egli si sofferma anche sulle doti naturali dei frati; è l'attitudine che lo caratterizza come santo e poeta nel Cantico.

? Dallo Specchio di Perfezione [cap. 85: FF 1782]

Francesco, immedesimato in certo modo nei suoi fratelli per l'ardente amore e il fervido zelo che aveva per la loro perfezione, spesso pensava tra s quelle qualità e virtù di cui doveva essere ornato un autentico frate minore . E diceva che sarebbe buon frate minore colui che riunisse in s la vita e le attitudini dei seguenti santi frati: la fede di Bernardo, che la ebbe perfetta insieme con l'amore della povertà; la semplicità e la purità di Leone, che rifulse veramente di santissima purità, la cortesia di Angelo, che fu il primo cavaliere entrato nell'Ordine e fu adorno di ogni gentilezza e bontà, l'aspetto attraente e il buon senso di Masseo, con il suo parlare bello e devoto; la mente elevata nella contemplazione che ebbe Egidio fino alla più alta perfezione; la virtuosa incessante orazione di Rufino, che pregava anche dormendo e in qualunque occupazione aveva incessantemente lo spirito unito al Signore; la pazienza di Ginepro, che giunse a uno stato di pazienza perfetto con la rinunzia alla propria volontà e con l'ardente desiderio d'imitare Cristo seguendo la via della croce; la robustezza fisica e spirituale di Giovanni delle Lodi, che a quel tempo sorpassò per vigoria tutti gli uomini; la carità di Ruggero, la cui vita e comportamento erano ardenti di amore, la santa inquietudine di Lucido, che, sempre all'erta, quasi non voleva dimorare in un luogo più di un mese, ma quando vi si stava affezionando, subito se ne allontanava, dicendo: Non abbiamo dimora stabile quaggiù, ma in cielo (Eb 13,14).

B) CHIARA

? Dal Testamento di S. Chiara d'Assisi [vv.24-26: FF 2831]

24 Dopo che l'altissimo Padre celeste si fu degnato, per sua misericordia e grazia, di illuminare il mio cuore perch incominciassi a fare penitenza, dietro l'esempio e l'ammaestramento del beatissimo padre nostro Francesco, 25 poco tempo dopo la sua conversione, io, assieme alle poche sorelle che il Signore mi aveva donate poco tempo dopo la mia conversione, liberamente gli promisi obbedienza, 26 conforme alla ispirazione che il Signore ci aveva comunicata attraverso la lodevole vita e l'insegnamento di lui.

? Ritroviamo nel Testamento di Chiara la stessa espressione di quello di Francesco: io assieme alle poche sorelle che il Signore mi aveva donate. Anche qui notiamo i termini della relazione: Dio, io, le sorelle.

? Quello che colpisce in Chiara è l'estrema realtà con cui descrive la fraternità che lei vive pienamente nella vita del monastero; Ella non si sofferma a descrivere la vita della fraternità, ma offre, nella Regola, come nel Testamento, degli spaccati concreti della vita quotidiana, che possiamo mettere a confronto:

? Dal confronto dei due testi risalta quale sia la fraternità per Chiara:
- la consapevolezza di essere unite nel Signore, chiamate a vivere il Vangelo, così come insegnato da Francesco;
- una fraternità unita con vincoli di confidenza derivanti dall'essere sorelle spirituali;
- una fraternità “governata” dai diversi ruoli, accettati e vissuti per amore del Signore;
- una fraternità impegnata a vivere nella carità e secondo il criterio della carità;
- una fraternità che vive il perdono scambievole e la correzione fraterna.

? Leggiamo ora uno spaccato della fraternità evangelica di Chiara:

? Dalla Legenda di S, Chiara [cap. 38: FF 3233-3234]

Non solo le anime delle sue figlie ama questa venerabile Abbadessa, ma anche i loro corpi serve con meraviglioso zelo di carità. Infatti assai spesso nel freddo della notte di propria mano le ricopre mentre dormono: e vuole che quelle che vede incapaci di osservare l'austerità comune, si accontentino di un regime meno severo. Se qualcuna era turbata da una tentazione, se qualcuna, come può avvenire, era presa da mestizia, chiamatele da parte le consolava piangendo. Talvolta si prostra ai piedi delle afflitte per alleviare con materne carezze la violenza del dolore.
E le figlie, non ingrate ai suoi atti di bontà, la ricambiano con totale dedizione. Accettano il suo amore affettuoso di madre; rispettano in lei il dovere di superiorità come maestra; seguono fedeli il suo retto procedere come guida, e in tutte queste cose ammirano la sua prerogativa di santità, come sposa di Cristo.

Possiamo sintetizzare la visione teologica francescana della fraternità, tenendo presente che la parola fratello è usato da Francesco 306 volte ed è il sostantivo più utilizzato nei suoi scritti dopo Signore che compare 410 volte; fratello è il nome che Francesco dà a se stesso, 15 volte, ed è il nome che usa, insieme a quello di fraternità che compare 10 volte per designare coloro che con lui scelsero di «seguire la vita e la povertà dell'altissimo Signore nostro Gesù Cristo e della sua santissima Madre» (cfr. FF 140):

? la fraternità, rivelazione di Dio: Descrivendo gli elementi essenziali della sua vocazione, Francesco afferma nel Testamento che il suo progetto di vita gli fu rivelato dall' Altissimo. Fu il Signore che gli donò dei Fratelli, pertanto la Fraternità, non obbedisce a un progetto umano, bensì a una iniziativa divina.

? la fraternità, vocazione evangelica: Ricevuti i primi Frati come dono di Dio, Francesco non cono-sceva il modo concreto di vivere con questi fratelli. Come continua a spiegare nel suo Testamento, l'Altissimo stesso gli rivelò il progetto evangelico della sua vita in comunione fraterna. Lo stile francescano della vita fraterna è dunque una forma di vita evangelica. Francesco e i suoi primi Frati cercano di vivere la sequela di Cristo applicando il Vangelo al contesto quotidiano della propria vita. Il fine della vita fraterna è, in questo senso, quello di vivere lo spirito del Vangelo nel contesto quotidiano della realtà. Così la propria Fraternità è luogo di evangelizzazione promuove, come missione propria, l'annuncio del Vangelo nel mondo.

? la fraternità, immagine della Trinità: Francesco espone il suo progetto di Fraternità in un frammento della seconda redazione della sua Lettera a tutti i fedeli (vv.49-53). Effettivamente in questo brano, spiegando la relazione dell'uomo di fede con Dio trino ed uno, Francesco utilizza vari termini che indicano una rclazione familiare-fraterna. I fedeli, afferma, sono figli del Padre celeste, di cui realizzano le opere. E sono sposi, Fratelli e madri di nostro Signore Gesù Cristo. Sono sposi quando l'anima fedele si unisce a nostro Signore Gesù Cristo per virtù dello Spirito Santo; sono fratelli di Gesù Cristo quando fanno la volontà del Padre; e inoltre sono madri di Gesù Cristo quando portano Cristo nel cuore e nel corpo per mezzo dell' amore divino e per la pura e sincera coscienza e lo generano attraverso le opere sante. In questo modo la vita di fede e penitenza crea una doppia relazione. In primo luogo crea la relazione familiare e fraterna dei fedeli con la Trinità come figli, sposi, fratelli e madri. In secondo luogo crea una relazione ugualmente familiare e fraterna tra gli stessi fedeli perch, come tali, tutti sono figli dello stesso Padre e fratelli in Gesù Cristo quando compiono la sua volontà e realizzano le sue opere. Vivendo così il piano salvifico di Dio si crea un'intima familiarità dei fedeli con Dio e dei fedeli tra loro.

? significato del vivere in fraternità: Per san Francesco l'essere fratello secondo il modello di familiarità con Dio trino che abbiamo segnalato, porta ogni fratello ad una stretta relazione di vita con quanti hanno scelto la stessa vocazione. Tutti i fratelli hanno ricevuto la chiamata di Dio a partecipare allo stesso progetto evangelico, seguendo il Cristo, come figli di uno stesso Padre celeste e come fratelli di un «fratello e figlio, il quale offrì la sua vita per le sue pecore» (cf. 2Lf54-56). Così attorno a Francesco si crea una Fraternità di convivenza, cioè di vita in comunione, di vita comune allo scopo di dare la vita seguendo le orme di Gesù Cristo. In questo modo la vita fraterna, che affonda le sue radici nella Trinità, si manifesta e si rafforza condividendo con i fratelli la realtà della vita quotidiana, il lavoro, la missione evangelica.
L'amore tra il Padre e il Figlio nello Spirito Santo si fa fraternità, si fa familiare e visibile nella vocazione evangelica.

3. PAGINA ATTUALE: Fraternità?

“Un giorno Padre Galaction pose questa domanda a un eremita che aveva incontrato per caso nella foresta: «Ditemi, Padre, quando verrà la fine del mondo?». E quel sant'uomo, sospirando rispose: «Lo vuoi sapere, Padre Galaction?... Quando non ci sarà più sentiero tra l'uomo e il suo vicino»”.

? In queste parole troviamo una definizione del senso della vita fraterna: quando gli uomini pretenderanno di vivere dietro steccati egoistici, chiuderanno i cuori l'uno nei confronti dell'altro, si scorderanno l'amore, il servizio reciproco, la comunione, la vita si svuoterà di senso, il mondo sarà giunto alla sua fine.
Di fronte a questa risposta,in effetti, non ci sono molte parole da dire, c'è, invece, da chiedersi se i nostri “sentieri” sono aperti o chiusi, abbandonati o frequentati

? Dopo aver riflettuto sul senso della fraternità nel Vangelo e secondo Francesco e Chiara, ora ci chiediamo che cosa significa “fraternità” per noi che ne stiamo parlando, oggi, qui.
Senza dubbio non è solo una parola, ma è un fatto, un evento:
a) donato: il Signore, dicono Francesco e Chiara, mi donò. Qui entriamo nell'ordine della gratuità; Dio ci fa un regalo; che tipo di regalo? Per natura siamo bisognosi dell'altro. “Essere bisognosi” non è una ricerca dei propri interessi, ma, qui, significa che l'essere umano non può esistere da solo, ha necessità di «Non è bene che l'uomo sia solo: voglio fargli un aiuto che gli corrisponda» [Gen 2,18]. Dunque, il dono mi fa prendere coscienza dalla prima relazione che mi caratterizza: Dio, la fonte della mia vita, primo dono ricevuto gratuitamente, senza nessuna richiesta. La fraternità è il “risultato” dei doni di Dio dati a coloro che sono stati chiamati: la pagina evangelica che abbiamo letto (Mc 3, 13-19) ne è l'immagine. [gratuità]
b) accolto: il dono viene gratuitamente nella mia esistenza, l'atto di accogliere stabilisce una relazione che mi mette in gioco, che apre la porta all'altro. Questo secondo aspetto mette in evidenza il secondo termine della relazione: l'altro/gli altri, con cui stabilire un legame di “dipendenza”; essi costituiscono il “contenuto” di questo dono. Il Signore mi dona dei fratelli/sorelle. Nei volti di coloro che mi stanno accanto leggo la tenerezza del Signore che ha pensato a me, al mio bisogno di amore e di comunione donandomi il fratello e la sorella. Accogliere il dono così come è, senza pretese che sia diverso: la fraternità non nasce dalla “selezione”, ma dall'accoglienza gratuita di coloro che mi sono stati dati: nella fraternità il fondamento della relazione non è l'elezione, ma l'accoglienza della diversità dell'altro. Per comprendere quello che stiamo dicendo riportiamoci alla pagina francescana (FF 1782) che abbiamo citato prima: i tratti di ogni fratello costituiscono la vera identità di ciascuno e di tutta la fraternità. [libertà]
c) custodito: ciò che ci è stato donato e accolto va custodito come qualcosa di prezioso a cui teniamo. Entra in gioco, ora, il terzo termine della relazione: io, la mia persona, che già ha accolto il dono. L'idea del custodire percorre l'esperienza evangelica di Maria, la Madre di Gesù, fin dall'annuncio dell'Angelo e scorre tutta la sua vita nei momenti più salienti (la presentazione di Gesù al tempio, il suo ritrovamento tra i dottori, ecc.): «Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore» (Lc 2, 19). Possiamo dire che custodire il fratello donato significa tenere aperti i sentieri, così come abbiamo sentito dirci dall'eremita. La pagina della Legenda di S. Chiara (FF 3233-3234) che abbiamo letto ne è lo spaccato concreto. Custodire significa avere cura dell'altro; è il verbo della madre che si prende cura dei suoi figli; è quell'avere cura dell'altro, riconoscerlo fratello e sentirlo parte della mia stessa esistenza, non estranea, ma fratello, figlio della stessa madre. [bontà]

Attraverso questi tre verbi risalta la figura dell'uomo evangelico e fraterno: il povero, il piccolo, il debole, l'oppresso, l'afflitto, il mite, il pacifico, l'affamato, l'uomo delle Beatitudini. Chi non rivendica nulla, chi non mette condizioni all'altro, chi rimane con la porta aperta, chi non cerca il bene proprio, chi mantiene costantemente puliti e sgombri i sentieri della fraternità, della relazione, dell'incontro, questo è l'uomo fraterno, sempre pronto a dare, anzich ricevere, a perdonare, anzich ad essere perdonato L'uomo fraterno è colui che si conforma al Cristo, l'uomo evangelico.

CONCLUSIONE

Una storia per concludere

L'istinto del cavallo

Un giorno un uomo venne a chiedere consiglio a Rabbi Meir di Przemyslany. Si lamentò amaramente che un rivale lo stava derubando dei suoi mezzi di sostentamento. «Hai mai notato che quando un cavallo va al fiume a bere, colpisce con lo zoccolo la riva? Sai perch lo fa?».
L'uomo fissò sbigottito il Rebbe, ed era assai irritato perch sembrava che non avesse capito affatto le ragioni delle sue lagnanze. «Bene. Ti dirò perch» disse il Rebbe. «Quando il cavallo china la testa verso il fiume per bere, vede la sua faccia riflessa nell'acqua. Confondendo il riflesso con un cavallo vero, batte forte sul terreno per spaventare l'altro e tenersi l'acqua per s.
«Ora, tu ed io troviamo questo comportamento alquanto sciocco. Sappiamo bene che la paura del cavallo è infondata, e che il fiume è in grado di dissetare ben più di un cavallo». «E cosa ha a che fare con me e il mio sostentamento questo stupido di un cavallo?». «Amico mio, tu sei questo cavallo. Tu credi che il fiume dell'abbondanza di Dio non sia in grado di sostenere te e un altro individuo; qui tu stai battendo gli zoccoli per spaventare un rivale immaginario».
«Immaginario?» disse l'uomo.
«Dio ha stabilito la ricchezza per ciascuno di noi, e nessuno può sottrarre qualcosa a ciò che Dio ha messo da parte. Gestisci i tuoi affari nel modo più saggio che conosci e sappi che qualunque cosa ti arriva è stata decretata in cielo. Il tuo solo e vero rivale è l'immagine di te stesso che vedi riflessa nel fiume».

Sr. M. Patrizia Nocitra osc
Monastero “Santa Speranza”
via Valle d'Oro, 2
63039 San Benedetto del Tronto AP


iniziato domnica 1 agosto il quinto meeting internazionale di “Giovani verso Assisi”. L'incontro vuole essere un'occasione per poter conoscere quali sono stati i luoghi che hanno guidato i passi di Francesco e Chiara.

Sono più di 1000 i giovani che provengono da tutto il mondo per partecipare e condividere questa esperienza. L'incontro si propone di mettere i giovani a confronto sui valori fondamentali della Fraternità, della Preghiera, dell'Incontro e della Missione. Su questi quattro temi si snoda il programma dei ragazzi.

Verranno visitati i luoghi più significativi del francescanesimo con un pellegrinaggio alla tomba di Francesco, alle chiese di Rivotorto, San Damiano, Santa Chiara e San Rufino, dove il Vescovo di Assisi, Monsignor Domenico Sorrentino, celebrerà l'eucarestia. Anche il Santo Padre accoglierà i giovani che andranno fino a Roma nella giornata di mercoledì 5 di agosto.

clicca per il programma



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits