francescanesimo

Padre Enzo Fortunato, il dialogo tra 'Francesco e il sultano' nel suo ultimo libro con Piero Damosso

Redazione

Il volume ripercorre le tappe del viaggio che intraprese San Francesco per incontrare il sultano Malik Al-Kamil

“Francesco e il Sultano. 800 anni da un incredibile incontro” è l’ultimo libro scritto dal capo redattore centrale del Tg1, Piero Damosso, e dal direttore della rivista San Francesco, padre Enzo Fortunato. Il volume, pubblicato da Edizioni San Paolo e disponibile in tutte le librerie, ripercorre le tappe che portarono in Egitto il Santo d’Assisi per incontrare il sultano Malik Al-Kamil.

Il libro pone l’attenzione su un tema di cocente attualità: il dialogo tra mondi, culture e religioni diverse. A distanza di otto secoli dall’incredibile evento, avvenuto durante la quinta Crociata contro gli “infedeli” musulmani, san Francesco ci indica ancora una volta la via da percorrere: quella dell’apertura, del confronto, dell’incontro e mai quella dello scontro.

Padre Enzo ripercorre le tappe a partire da quel fatidico viaggio: quando il Vangelo incontrò il Corano. Non si tratta di un testo che parla di “apertura” incondizionata o “chiusura” ermetica, ma di strade da percorrere: collaborazione e integrazione nel rispetto delle reciproche culture.

Piero Damosso rappresenta – attraverso le recenti tappe del dialogo cristiano sostenute da Papa Francesco, Benedetto XVI e san Giovanni Paolo II – la necessità di vivere, anche dall’esempio francescano, l’amore verso i fratelli, il rispetto per le altre culture e nel riconoscimento dell’altrui libertà e dell’uguale diritto alla vita.

“Francesco e il Sultano. 800 anni da un incredibile incontro” - Edizioni San Paolo, 2019, 180 pp.

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA