NOTIZIE > francescanesimo

Lo storico Cardini: Francesco, il denaro, la modernità

di Franco Cardini
Credit Foto - GIOVANNI BELLINI

Che Francesco detestasse il denaro, è cosa ben nota. Ma l’Ordine minoritico al riguardo assunse un atteggiamento ben diverso, sviluppando la tematica dell’“uso povero” del danaro che può servire al prossimo e che va gestita in termini di carità. Debbo questi chiarimenti anzitutto alle meritorie ricerche dell’amico e collega Giacomo Todeschini e dei suoi allievi, collaboratori e interlocutori. Del Todeschini ricordo in particolare due libri: Il prezzo della salvezza. Lessici medievali del pensiero economico, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1994, e La banca e il ghetto, Roma-Bari, Laterza, 2016, ma dovrei citare anche altri studi.

IL LINGUAGGIO ECONOMICO - Egli ha dimostrato fra l’altro come il linguaggio economico della previdenza e dello scambio sia stato fondamentale nell’approfondimento del mistero della salvezza realizzata dal Cristo come valore, pregio, quindi prezzo/preziosità (fino all’adorazione del “Preziosissimo Sangue del Signore”). Al Todeschini va anche il merito di aver chiarito con una sua impegnata serie di studi – insieme con quelli di Roberto Lambertini, di Maria Giuseppina Muzzarelli e di altri – come il celebre divieto di maneggiar danaro imposto ai frati minori dalla Regula bullata del 1223 e da altri testi francescani vada reinterpretato alla luce degli scritti di “spirituali” come Pietro di Giovanni Olivi e di “osservanti” come Bernardino da Siena - ai quali va aggiunta almeno la menzione del catalano Francesc Eiximenis, studiato in un bel libro di Paolo Evangelisti - fino a dimostrare la legittimità di un “uso povero” dei beni e del “circolo virtuoso” (l’espressione è, appunto, del Todeschini) che nel nome della caritas e del servizio ai poveri si stabilisce tra denaro, commercio, profitto e speranza di salvezza per quanti mettendolo a frutto fanno “vivere” il denaro (pecunia lucrosa versus pecunia mortua): e qui un argomento splendidamente studiato da Jacques le Goff, il Purgatorio, ha un suo ruolo primario.

IL TEMA TEOLOGICO - A questo livello il grande tema teologico già protocristiano e patristico dell’economia della salvezza s’incontra con quello della salvezza attraverso la corretta economia. Ciò sia detto senza, con ciò, mai perdere il senso dell’ambiguità e quindi la polarità sentimenti e di atteggiamenti che ai primi del Trecento avrebbero indotto per esempio Dante a definire la moneta aurea della sua città ora con rispetto e reverenza “la lega suggellata del Battista”, - con ciò ribadendo che i falsari erano colpevoli del crimen maiestatis e meritevoli del rogo al pari degli eretici - e ora viceversa “il maladetto fiore” colpevole di aver addirittura corrotto il soglio di Pietro.

IL DENARO, STERCO DEL DEMONIO - Il denaro poteva senza dubbio restare “sterco del demonio”. In questo senso, il punto è che la Modernità ci ha allontanati dal tema dell’uso del denaro come “dono” e come carità. Oggi, mentre la Modernità sembra essere arrivata a una svolta, è la “cultura del profitto” che va sconfitta nell’interesse del genere umano.

Il “lucro” elogiato da Bernardino in chiave di carità non aveva e non ha nulla a che vedere con il circolo vizioso consumo-profitto-sfruttamento che oggi sembra trionfare. Ciò non va mai dimenticato, se non vogliamo cadere in un gravissimo malinteso. Il “lucro” di Bernardino non è quello dei signori che ogni anno si riuniscono a Davos.


Franco Cardini
Professore ordinario di storia medievale presso l'Università di Firenze

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits