fede

La “pesca miracolosa” di Sant’Antonio a Palinuro

Gelsomino Del Guercio

Le testimonianze dei sopravvissuti

C’è stato un intervento prodigioso per intercessione di Sant’Antonio da Padova a Palinuro, nota località turistica del Cilento.

Ogni anno, a partire dal 1949, il 25 settembre Palinuro si veste in festa per omaggiare il santo francescano conventuale. Perché in quella data accadde una “pesca miracolosa” che salvò vite umane.

ARMANDO E ZIO CIRO
Era l’alba del del 25 settembre 1949, scrive il portale di informazione Info Cilento, ricostruendo l’accaduto, quando Armando Sacco, allora un bambino di soli sette anni, insieme allo zio Ciro, come aveva sempre fatto, salì sul gozzo per iniziare la pesca.

UNA MATTINA LIMPIDA, POI LA TEMPESTA
“Erano le 5:30 di una mattina limpida e serena - dice Armando - una mattina di sole e carmaria (mare calmo), incontrammo un altro gozzo che rientrava dalla pesca notturna, a bordo c’era zio Eugenio che insistentemente pressava per accompagnarci dicendo che durante la notte il mare non gli era piaciuto e lasciare solo il fratello con me ancora bambino non gli sembrava prudente. Ma zio Ciro prese posizione dicendogli di tornare a casa visto che aveva addosso una notte di duro lavoro ed il mare era buono. Così ci mettemmo a remare verso il largo ignari di cosa sarebbe accaduto di lì a poco. Zio Eugenio non si sentiva tranquillo e non si diede per vinto. Così dopo qualche ora si fece accompagnare dal vecchio Nazareno e ci raggiunse dietro Capo Palinuro. Erano circa le 11:30 quando improvvisamente si scatenò una tempesta fortissima come mai aveva visto nessun palinurese. I miei zii mi fecero mettere sotto la prua del gozzo che subito si riempì di acqua mentre vedevo loro lottare con forza e fatica contro il mare”.

LEGGI ANCHE: Preghiera per intercessione di Sant'Antonio

LA DISPERAZIONE DI MARIA
In quelle ore la mamma del bambino, Maria De Angelis, correva sulla punta più alta di Capo Palinuro, il faro, da dove sperava potesse avvistare il gozzo con a bordo suo figlio ma il tentativo fu vano. All’orizzonte era buio e tempestoso, impossibile vedere oltre pochi metri. Allora tornò a casa, prese con sè la statuetta in pietra di Sant’Antonio e andò sulla spiaggetta della Ficocella.



“SANT’ANTONIO TI BUTTO IN MARE”
Con tanta speranza e fede la donna recitò così: “Sant’Antonio mio io mo ti butto in mare, se affondi io non rivedrò più mio figlio”. La statuetta rimase a galla. Calava ormai il buio ma le speranze erano tante, così di lì la donna si recò al porto seguita da una folla di palinuresi che posero la statua del Santo sopra ad uno scoglio in riva al mare, pregando.

LEGGI ANCHE: I miracoli più straordinari di Sant'Antonio da Padova

“IL MONACO CHE TIRA LA CORDA”
“Era ormai notte - prosegue Armando Sacco - quando gridai con lo sguardo puntato su Capo Palinuro non abbiate paura, lì, lo vedete? C’è uno vestito da monaco che ci fa luce e con la corda che porta in vita ci sta tirando verso la riva, presto saremo salvi! Ma i miei zii non vedevano nulla. Erano ormai le 23:30 quando arrivammo al porto salvi ma stanchi, mia mamma mi avvolse in una coperta di lana e mi portò a casa dopo che i miei zii avevano sfidato e vinto sulla morte. Il giorno seguente mia mamma mi portò in Chiesa e io additando il Santo del miracolo dissi: è lui il monaco che ci ha salvati”.

LEGGI ANCHE: Preghiera che si può offrire a Sant'Antonio nei casi difficili

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA