NOTIZIE > cronaca

Piazza di spaccio davanti al convento: i frati fanno arrestare i pusher

Gli agenti sono intervenuti a seguito di una segnalazione presentata dal priore dei frati cappuccini del convento

di Gelsomino Del Guercio
Credit Foto - comune.rimini.it

Rimini è secondo l'ultimo report del Ministero dell'Interno una delle tre città italiane dove si commettono più reati. Tra quelli commessi hanno un grande rilievo i reati per droga. Sono numerose le piazze di spaccio dislocate in città.

Una di queste però, è stata allestita senza remore nei pressi di un luogo sacro: il convento francescano di via della Fiera, gestito dal 1875 dai Padri Cappuccini dello Spirito Santo.



PROSTITUTE E SPACCIATORI
L’attività di controllo del territorio che ha portato ad un intervento nel parcheggio pubblico presente all'esterno del convento di via della Fiera.

Gli agenti sono intervenuti a seguito di una segnalazione presentata dal priore dei frati cappuccini che abitano il convento, segnalando attività di spaccio di droga e prostituzione nel parcheggio del complesso che ospita la mensa dei poveri.

LEGGI ANCHE: Droga. Viaggio nel tunnel di Genova: «Così stiamo perdendo i nostri ragazzi»

LO STRATAGEMMA
Un via vai favorito dalla presenza di alcune auto abbandonate, dove gli agenti hanno trovato bicchieri, fazzoletti, coperte. Dopo aver parlato con i frati – che in precedenza avevano tentato inutilmente di allontanare alcuni di questi personaggi, incappando anche in qualche minaccia - e con alcune delle persone che frequentano la mensa, gli agenti hanno effettuato degli appostamenti, sia di giorno sia in orario notturno, durante i quali hanno accertato la presenza di una prostituta che esercitava abitualmente nel parcheggio, e di alcuni spacciatori e consumatori di droga, che spesso si confondevano tra le persone in fila per usufruire della mensa per poi rifugiarsi nel parcheggio per nascondere o assumere le sostanze stupefacenti.

Non di rado, inoltre, finivano per entrare in chiesa e disturbare le funzioni.

LEGGI ANCHE: Eroina e erba dall’Albania in Italia, la droga vola sugli aerei da turismo 


Gelsomino Del Guercio

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits