attualita

Ritorna in Italia Alvin, il bambino portato via dalla madre che combatteva con l'Isis

Redazione ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Mai era stato liberato da un campo profughi siriani un bambino dall'inizio della guerra

Gioia e attesa per il piccolo Alvin Berisha, il bimbo albanese di 11 anni - nato in Italia, residente a Barzago, in provincia di Lecco - che fu rapito in Italia 5 anni fa dalla madre combattente Isis e rimasto orfano dopo che è morta in un campo profughi tra i più affollati e a rischio della Siria.

Il ragazzo è stato liberato da quel campo di Al Hol e in queste ore - grazie al corridoio umanitario portato avanti da Croce Rossa con Mezzaluna Rossa (l'omologo arabo) e ad un'operazione di cooperazione internazionale con la regia della direzione della polizia, diretta dal prefetto Vittorio Rizzi, con il Ros e la partecipazione delle autorità albanesi - Alvin sta per essere prelevato al confine tra Siria e Libano. Nelle prossime ore il ragazzo si imbarcherà sul volo che da Beirut, Libano, lo porterà a Roma.

Un’azione senza precedenti, perché mai era stato liberato da un campo profughi siriani un bambino, dall’inizio della guerra, che è il frutto di una sinergia messa a segno dallo Scip del Viminale (Servizio di Cooperazione internazionale di polizia), d’intesa con la Farnesina e la Presidenza del Consiglio.

Conchita Sannino - Repubblica.it

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA