attualita

Manifesto di Assisi, 'Svolta epocale, culturale e spirituale' [VIDEO]

Redazione sanfrancesco.org

E' andata in scena l'ultima conferenza stampa di presentazione, nella sede della Regione Umbria a Perugia.



Di seguito l'intervento del direttore della Sala Stampa del Sacro Convento, padre Enzo Fortunato.

Ringrazio la presidente Tesei che ci ospita a "casa" sua e ospita nel cuore e nello stile questo Manifesto, che rappresenta l’Umbria verde nel mondo. Non poteva non partire dall’Umbria questo Manifesto, frutto della consapevolezza green di Assisi e della regione tutta.

Vorrei richiamare una svolta epocale culturale e spirituale. Epocale perché è la prima volta che l’Italia, con un termine che abbiamo fatto nostro “Insieme”, non più singole realtà, si pone un obiettivo. (...) Culturale perché abbiamo bisogno di capire che non abbiamo necessità di eroi, ma di una squadra che si passa la palla e segna.

Quando c’è San Francesco non dobbiamo scherzare. Si tratta di un impegno serio, onesto, animato dalla rettitudine di quello che vogliamo portare a termine. Per questo daremo ai partecipanti e firmatari un Tau dal colore verde, che rappresenta una sintesi non solo della Laudato si', ma anche del Cantico delle Creature. Abbiamo bisogno di uno scatto di responsabilità, tratto dalle parole di San Francesco: "Io ho fatto la mia parte, (...) tocca a voi ora".

L’altra consapevolezza che guida tutto quello che stiamo facendo è che siamo chiamati a capire che dobbiamo instaurare una relazione con quello che ci circonda. Basta con la cultura dell’usa e getta. La relazione che vuole San Francesco d’Assisi ce la insegna nel Cantico delle Creature: fratello e sorella, è una forte responsabilità, quella di sentire le cose come consanguinee.


Alla conferenza hanno partecipato il presidente della fondazione Symbola, Ermete Realacci, la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, e la sindaca di Assisi, Stefania Proietti.

Sono intervenuti anche il presidente di Confindustria Umbria, Antonio Alunni, la presidente dei giovani industriali umbri, Ilaria Caporali, e il presidente di Coldiretti Umbria, Albano Agabiti.