attualita

Rodari, Papa Francesco: povero come i poveri. San Francesco una persona capace di comunicare

Roberto Pacilio

E' in libreria il volume 'Il progetto di Francesco. Dove vuole portare la Chiesa' (Editrice Missionaria Italiana, pp. 144, euro 10,90)

E' in libreria il volume 'Il progetto di Francesco. Dove vuole portare la Chiesa' (Editrice Missionaria Italiana, pp. 144, euro 10,90), una conversazione fra Víctor Manuel Fernández, teologo argentino, e Paolo Rodari, giornalista di Repubblica, sul programma rivoluzionario del Papa venuto da un Paese «quasi ai confini del mondo»

Abbiamo intervistato il giornalista di Repubblica, Paolo Rodari.
Chi è San Francesco per Papa Bergoglio?
Non è facile per me rispondere. Io sono solo un giornalista che scrive ciò che vede, è difficile per me entrare così dentro nell'intimo di una persona. Posso però dire, dopo essere stato per un periodo non breve a Buenos Aires, che Bergoglio da cardinale ha costruito tanti ponti soprattutto verso i poveri della città. In questo senso credo che egli veda in san Francesco una persona capace di comunicare tanto proprio ai poveri. Forse, dunque, ha scelto quel nome per essere, anche solo visivamente, da subito vicino a loro, i poveri. Inoltre, per san Francesco, l'essenziale era seguire Cristo e la sua croce. Così per Bergoglio, povero come i poveri e come loro sazio soltanto di Cristo.

Perchè ha voluto chiamarsi come lui?
Non è facile per me rispondere. Io sono solo un giornalista che scrive ciò che vede, è difficile per me entrare così dentro nell'intimo di una persona. Posso però dire, dopo essere stato per un periodo non breve a Buenos Aires, che Bergoglio da cardinale ha costruito tanti ponti soprattutto verso i poveri della città. In questo senso credo che egli veda in san Francesco una persona capace di comunicare tanto proprio ai poveri. Forse, dunque, ha scelto quel nome per essere, anche solo visivamente, da subito vicino a loro, i poveri. Inoltre, per san Francesco, l'essenziale era seguire Cristo e la sua croce. Così per Bergoglio, povero come i poveri e come loro sazio soltanto di Cristo.

Cosa ci dice il Santo di Assisi oggi?
A me dice che la sola ricchezza che conta è la sapienza di Dio, Cristo. Le altre ricchezze a nulla servono senza sapienza. Ricorda a tutti che la vita è una e che va spesa vivendo non per se stessi ma per gli altri. Lui, più di tanti, si è speso per gli ultimi. Ma anche noi, nel nostro piccolo, possiamo fare altrettanto dove siamo chiamati a stare. Magari cominciando da piccoli gesti, da piccole attenzioni verso chi ci è accanto. Non è facile, perché l'egoismo che è dentro ognuno di noi spinge sempre per avere la meglio, ma è un ideale almeno da desiderare.

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA