home

Un grande festival per ricordare Francesco e Chiara

Redazione online



SarÓ un festival grandi firme, con incontri, dibattiti e spettacoli con ospiti illustri. Il modo pi¨ originale per festeggiare il 150░ dell'UnitÓ d'Italia? Il Festival Francescano che si terrÓ a Reggio Emilia, cittÓ dove Ŕ nato il tricolore, il 23, 24 e 25 settembre 2011. San Francesco Ŕ Patrono d'Italia e, come disse Giovanni Paolo II: “difficilmente si potrebbe trovare un'altra figura che incarni in sÚ in modo altrettanto ricco e armonioso le caratteristiche proprie del genio italico”.

La terza edizione di Festival Francescano, promossa e organizzata dal Movimento Francescano dell'Emilia-Romagna, declina attraverso conferenze, spettacoli e attivitÓ per bambini il modo in cui il francescanesimo ha contribuito a costruire i valori di riferimento della cultura italiana. La formula dell'evento, che lo scorso anno ha registrato 25.000 presenze, Ŕ simile a quella degli altri Festival, mentre la sua declinazione unica riesce a intercettare un bisogno di spiritualitÓ sempre pi¨ presente nella societÓ contemporanea.

Il messaggio di fraternitÓ, servizio e dialogo sarÓ testimoniato da grandi protagonisti della societÓ civile italiana come Ernesto Olivero, dell'Arsenale della Pace-Sermig di Toirnoi, Marco Impagliazzo, presidente della ComunitÓ di Sant'Egidio. Hanno colto l'invito del Festival anche personalitÓ della politica come Romano Prodi, giÓ presidente del Consiglio e Giuseppe Pisanu, giÓ ministro dell'Interno. Non mancheranno rappresentanti del mondo accademico come Alberto Melloni, Valerio Onida, Maria Rita Parsi.

Tra gli ospiti anche grandi giornalisti e scrittori: Armando Massarenti, Enrico Brizzi che porta a Reggio Emilia il progetto “Italica 150”: un romanzo, una mostra fotografica e contributi audio-video frutto dei 2.100 Km percorsi a piedi per rispondere alla domanda “chi sono oggi gli italiani?”.

E ancora la musica di Giovanni Allevi e per il teatro italiano pi¨ famoso al mondo, quello del Premio Nobel Dario Fo, sarÓ interpretato da Mario Pirovano con “Lu santo jullÓre Franšesco”: una fabulazione sulla vita del santo che prende spunto da testi canonici e da favole popolari. Per il “giullare Francesco” non potevano poi mancare le canzoni piene di vita di Niccol˛ Fabi e, per i pi¨ piccoli, del mitico “Piccolo Coro Mariele Ventre dell'Antoniano”.

Tra frati che fanno magie e simpatici clown, anche i bambini avranno tante occasioni di divertimento. Ma sono le attivitÓ didattiche il fiore all'occhiello del Festival, che quest'anno ospita anche un esperimento di teatro che educa alla memoria attiva firmato dalla Scuola di Pace di Monte Sole e dalla compagnia teatrale Archivio Zeta.

La grande arte sacra sarÓ presente al Festival grazie alla Diocesi di Reggio Emilia e Guastalla che allestirÓ una mostra su Guido Reni (1575-1642), mentre una preziosa reliquia di San Francesco, un lembo del saio insanguinato dalle stigmate, verrÓ straordinariamente spostato dal Santuario de La Verna a Reggio Emilia.

Quest'anno ricorre l'Ottavo centenario da quando Chiara d'Assisi, nella notte della domenica delle Palme, fuggý dalla casa paterna verso Santa Maria degli Angeli della Porziuncola, dando vita a un nuovo ordine “delle Sorelle Povere”, sull'esempio di san Francesco. Il programma del Festival su S. Chiara Per la particolare occasione dell'Anno clariano, il Festival Francescano (a Reggio Emilia dal 23 al 25 settembre 2011), propone diversi appuntamenti per conoscere questa straordinaria figura di donna e di santa. Venerdý 23 settembre, alle 18, presso il Convento dei Cappuccini si terrÓ la presentazione del libro di recente uscita “I passi e il silenzio: a piedi, sulle strade di Chiara d'Assisi”, di Monica Cardarelli e Francesco Gallo. Si tratta di una guida al cammino di S. Chiara, per ripercorrere insieme a lei (in sette tappe) il suo breve ma intenso pellegrinaggio sui sentieri della terra umbra. La guida contiene, oltre alle informazioni tecniche, anche delle meditazioni sulla vita di Chiara, per aiutare il pellegrino a vivere il cammino come un viaggio interiore. Sabato 24 alle 9.30, nei pressi del Teatro municipale, fra' Giuseppe Buffon terrÓ la lectio magistralis “Donne francescane. 150 anni di storia”. Appartenente all'Ordine dei Frati Minori, fra' Giuseppe Ŕ dottore in Storia della Chiesa alla Pontificia UniversitÓ Gregoriana e in Storia alla Ecole Pratique des Hautes Etudes (Sorbonne) e professore ordinario di Storia della Chiesa moderna e contemporanea alla Pontificia UniversitÓ Antonianum. Alle 15.30, nello stesso luogo, la medievista Maria Pia Alberzoni parlerÓ di “francescanesimo al femminile”.(VaticanInsider La Stampa)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA