NOTIZIE > religione

Le 4 iniziative per la Quaresima dei frati conventuali di Bologna

Una Quaresima intensa è in programma al santuario di San Francesco a Bologna

di Gelsomino Del Guercio
Le 4 iniziative per la Quaresima dei frati conventuali di Bologna
Credit Foto - Freepik

Una Quaresima intensa è in programma al santuario di San Francesco a Bologna, dove sono attivi i frati minori conventuali della Provincia francescana di Sant'Antonio (che racchiude le comunità conventuali del nord est).

1) LA BENEFICENZA

Sabato 30 e domenica 31 marzo saranno presenti alle porte della Basilica le suore del Monastero di S. Elisabetta, in Bielorussia, con alcuni prodotti di artigianato da loro stesse realizzati. Li vendono per raccogliere fondi per le opere del monastero in aiuto a bambini orfani, disabili, persone in difficoltà che stanno uscendo da dipendenze.

2) LA CENA

La comunità dei frati francescani e la fraternità dell’Ordine Francescano Secolare promuovono una cena quaresimale per condividere un segno penitenziale all’insegna della solidarietà.

Dopo la cena frugale (un semplice minestrone) e l’ascolto di una pagina biblica viene presentata la testimonianza di una realtà di aiuto e condivisione presente nel territorio bolognese.

L'appuntamento è nei cinque venerdì di quaresima, ore 19.30, nel refettorio del convento.

LEGGI ANCHE: Giovani evangelizzatori francescani a Bologna

3) LA VIA CRUCIS

Ogni venerdì di quaresima, alle 17.30, si ripercorrono i passi di Gesù nel cammino verso il dono definitivo della vita, con il rito della Via Crucis. «Ci uniamo così alla sua passione e morte, nell’attesa di partecipare alla sua resurrezione», scrivono i frati.

4) LA LETTERA

Infine, in occasione della quaresima i frati di San Francesco hanno scritto una lettera aperta alla comunità.

«La pietà popolare - si legge - ha arricchito la pratica quaresimale della Via Crucis di alcuni episodi che non ci vengono narrati dai Vangeli. Tra questi vi è la sesta stazione, in cui si è invitati a guardare al gesto di una donna, la Veronica, che asciuga il volto di Gesù».


«È il volto - proseguono i frati - che ci rivela l’eterna bellezza di Dio, del Creatore che, dopo aver fatto l’uomo, si rallegrò perché tutta la creazione era finalmente cosa molto bella e buona! (cf Gen 1,31). È il suo volto, ancora oggi sfigurato nelle situazioni in cui l’uomo non vede riconosciuta la propria dignità, in cui l’umanità è piagata e sofferente, in cui i figli di Dio, voluti e creati a sua immagine, sono invece immersi nelle tenebre dell’errore e del peccato».


«In questo tempo di Quaresima - concludono - non distogliamo lo sguardo da quel volto, riconosciamolo presente nella Parola, nei Sacramenti, nei Fratelli!».

LEGGI ANCHE: Frati minori conventuali di Bologna, la fede nel cuore della città

Per ulteriori informazioni clicca qui.



Gelsomino Del Guercio

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits