NOTIZIE > religione

Concerto in Vaticano. Papa: sia occasione per seminare tenerezza e accoglienza

Il Natale è festa che scalda i cuori e rimuove l'indifferenza

di Redazione online
Concerto in Vaticano. Papa: sia occasione per seminare tenerezza e accoglienza
Credit Foto - RADIO VATICANA

(Radio Vaticana - Gabriella Ceraso)


Ultimi preparativi in Aula Paolo VI per la 25° edizione del Concerto di Natale in Vaticano previsto questa sera con il sostegno e il patrocinio della Congregazione per l’Educazione Cattolica.

Il Natale è festa che scalda i cuori e rimuove l'indifferenza

Promotori e protagonisti sono stati ricevuti oggi dal Papa in Aula Clementina e le prime parole di Francesco sono state di ringraziamento e di apprezzamento. A quanti si esibiranno e al pubblico che raccoglierà fondi per aiutare i ragazzi della Repubblica Democratica del Congo e dell’Argentina, il Papa ha riconosciuto “sensibilità alle necessità dei più bisognosi e disagiati che domandano aiuto e solidarietà”. Il significato del Natale, ha spiegato, sta anche in questo:

Il Natale, lo sappiamo, è una festa sentita, partecipata, capace di riscaldare i cuori più freddi, di rimuovere le barriere dell’indifferenza verso il prossimo, di incoraggiare all’apertura verso l’altro e al dono gratuito. Per questo c’è bisogno anche oggi di diffondere il messaggio di pace e di fraternità proprio del Natale

Arte è mezzo per aprire cuore e menti al vero significato del Natale

C’è bisogno, ha aggiunto, di “rappresentare” il Natale con i “sentimenti autentici che lo animano”, quindi, con riferimento allo spettacolo di domani, ha detto:

L’arte è un formidabile mezzo per aprire le porte della mente e del cuore al vero significato del Natale. La creatività e la genialità degli artisti, con le loro opere, anche con la musica e il canto, riescono a raggiungere i registri più intimi della coscienza. L’arte entra proprio nell’intimo della coscienza.

Infine  nelle ultime parole di Francesco ai circa 180 presenti all’udienza l'auspicio per il Concerto di domani:

Possa essere un’occasione per seminare la tenerezza – eh…questa parola tanto dimenticata oggi: violenza, guerra… – no, no: tenerezza. Per seminare la tenerezza la pace e l’accoglienza, che scaturiscono dalla grotta di Betlemme.


Redazione online

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits