NOTIZIE > religione

Colombia, il Papa in preghiera alla Croce della Riconciliazione

Nel parco, il Pontefice è stato accolto dal presidente della Repubblica colombiana, da 400 bambini e da un gruppo di indigeni

di Redazione online
Colombia, il Papa in preghiera alla Croce della Riconciliazione
Credit Foto - ANSA/ALESSANDRO DI MEO

L’ultimo momento della giornata di Papa Francesco a Villavicencio è stata la sosta in preghiera presso la Croce della Riconciliazione nel Parque de los Fundadores. Nel parco, il Pontefice è stato accolto dal presidente della Repubblica colombiana, da 400 bambini e da un gruppo di indigeni. Francesco dopo aver deposto una corona di fiori si è raccolto in preghiera sotto la grande Croce, mentre veniva intonato il Silenzio militare. Sul monumento è riportato il numero delle vittime della violenza che ha sconvolto il Paese negli ultimi decenni. Dopo la preghiera, il Papa – aiutato da alcuni bambini – ha piantato un albero, come simbolo di nuova vita. (RADIO VATICANA - A.G.)



di Giada Aquilino, inviata a Bogotá

Terra di “inimmaginabile fecondità”. È una panoramica della Colombia quella scattata dal Papa alla Santa Messa al Parco Simón Bolívar di Bogotá, la prima di questo viaggio apostolico, dedicata alla pace e alla vita, temi che caratterizzano la tappa di Francesco nella capitale. Non a caso poco prima dell’arrivo del Pontefice, al verdissimo parco gremito fin dalla mattina da oltre un milione di persone nonostante la pioggia a sprazzi, era stato celebrato un incontro in difesa della vita: durante il percorso, mentre la folla scalda tutta la zona, il Papa si ferma a benedire un gruppo di disabili che hanno preso parte all’evento, li abbraccia, si lascia accompagnare per un breve tratto, ai piedi dell’immenso palco bianco.

Prendendo spunto dall’odierno Vangelo di Luca, nel quale Gesù predica presso il mare di Galilea, inteso come “immensità dove convivono tutti i popoli”, Francesco osserva come la terra colombiana “potrebbe dare frutti per tutti”, ma anche nel Paese latinoamericano come altrove “ci sono fitte tenebre che minacciano e distruggono la vita”. Sono le tenebre “dell’ingiustizia e dell’inequità sociale”, quelle “corruttrici degli interessi personali o di gruppo, che consumano in modo egoista e sfrenato ciò che è destinato al benessere di tutti”, quelle “del mancato rispetto per la vita umana” che miete quotidianamente “l’esistenza di tanti innocenti, il cui sangue grida al cielo”; quelle della sete di vendetta e di odio “che macchia di sangue umano le mani di coloro che si fanno giustizia da soli”; quelle di coloro che restano “insensibili” di fronte al dolore di tante vittime.

Nel suo indirizzo di saluto, il cardinale Rubén Salazar Gómez, arcivescovo di Bogotá e presidente del Consiglio episcopale latinoamericano, parla di “assalti della morte” per indicare tali tenebre. Il Papa assicura che solo Gesù è capace di disperderle. Come la nazione colombiana, ricorda, anche la Chiesa locale ha fatto “esperienza di impegni pastorali vani e infruttuosi”, ma ha confidato in Cristo “la cui Parola suscita fecondità persino là dove l’inospitalità delle tenebre umane rende infruttuosi tanti sforzi e fatiche”.

Il comando di “gettare le reti”, evocato nel Vangelo, non è rivolto soltanto a Simon Pietro; a lui, spiega, è toccato di prendere il largo, come coloro che in Colombia “hanno per primi riconosciuto quello che più urge, quelli che hanno preso iniziative di pace, di vita”. Gettare le reti, prosegue, comporta “responsabilità”. “A Bogotá e in Colombia - osserva - si trova in cammino un’immensa comunità, che è chiamata a diventare una rete robusta che raccolga tutti nell’unità, lavorando per la difesa e la cura della vita umana, particolarmente quando è più fragile e vulnerabile”. E tali comunità possono diventare “comunità vive, giuste e fraterne se ascoltano e accolgono la Parola di Dio”. Saranno così evangelizzate e potranno seguire Gesù, amando “”la vita in tutte le sue fasi”, rispettandola e promuovendola.

Davanti ad una folla immensa, tra cui vittime della guerra e comitive di venezuelani, con le bandiere e l'immagine della loro patrona, la Vergine di Coromoto, il Papa - che a margine aveva incontrato un gruppo di vescovi venezuelani - invita a “chiamarci gli uni gli altri”, a tornare a considerarci “fratelli, compagni di strada, soci di questa impresa comune che è la patria”. Bogotá e la Colombia sono, al contempo, luoghi dove “Gesù è passato e passa, per offrire la sua presenza e la sua parola feconda”: ci invita a “chiamare gli altri, tutti”, pensare alle famiglie, “santuario di vita”, e fare spazio al bene comune “al di sopra degli interessi meschini o particolari, farsi carico dei più fragili promuovendo i loro diritti”.

In fondo, ancor più in un contesto storico di violenza e divisione, Gesù “ci spinge a condividere il rischio, a lasciare i nostri egoismi e a seguirlo”, abbandonando “paure che non vengono da Dio, che ci paralizzano e ritardano l’urgenza di essere costruttori della pace, promotori della vita”. Solo così si potrà “prendere il largo”: un augurio, conclude, “anche per questo popolo”.

Nella notte di Bogotá, illuminata da fuochi d’artificio, ancora un bagno di folla per il Papa, lungo il percorso verso la Nunziatura apostolica. Lì lo aspettano bambini e ragazzi con disabilità intellettive, che accolgono il Pontefice con la loro “vulnerabilità” che, dice Francesco commosso, è “l’essenza dell’umano”. (Radio Vaticana)


Redazione online

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits