NOTIZIE > lettere_direttore

Un ricordo di 69 anni fa

di Enzo Fortunato
Un ricordo di 69 anni fa

Carissimo padre Enzo, dopo diversi anni ho rifatto l’abbonamento al suo mensile e devo dirle che vi sono argomenti molto interessanti. Tempo fa lessi un articolo di Roberto Olla che mi ha lasciata a bocca aperta, mi creda. Quando ho letto il racconto di ciò che successe a Bari il 2 dicembre 1943 ho avuto un ricordo vivissimo. Quel giorno ero da mia zia, intenta a giocare con le statuine del presepe. Mia zia era in cucina e all’improvviso venni sommersa, dopo un fortissimo boato, da scaglie di vetro. Rimasi paralizzata, non capivo cosa era successo. Mia zia corse nel salone, mi prese in braccio, poi urlando uscì fuori e vedemmo mio cugino di sei anni a terra, con il corpo martoriato dalle schegge. Fu ricoverato in un ospedale americano e salvato. Mia mamma e mia zia dicono che io ero stata miracolata. Oggi ricorre il 69° della Liberazione e io ancora mi chiedo perché l’uomo ama così tanto il potere che porta solo odio e tanta morte. Dica al dottor Olla che i suoi articoli sono ben scritti e molto chiari. La ringrazio e continui con la bella rivista.
Rosa (MI)

Carissima Rosa,
ho già dato la tua lettera a Roberto Olla. La propongo anche sulla nostra rivista perché ci fa capire come una lettura della vita animata dalla fede, conduce a vedere un Dio che ogni giorno si preoccupa di noi. La tua riflessione conclusiva mi porta a far nostra la preghiera che comunemente viene attribuita a san Francesco e che vorrei condividere con tutti i nostri lettori: Signore, fa’ di me uno strumento della tua pace. / Dov’è odio, fa’ che io porti l’amore; / dov’è offesa, che io porti il perdono; / dov’è discordia, che io porti l’armonia; / dov’è errore, che io porti la verità; / dov’è dubbio, che io porti la fede; / dov’è disperazione, che io porti la speranza; / dove sono le tenebre, che io porti la luce; / dov’è tristezza, che io porti la gioia. Cara Rosa, credo che la più bella liberazione sia quella del ripudio del male e della scelta del bene. Questa liberazione non è semplice e costa fatica, ma una volta assaporata il gusto che lascia è quello della vera gioia.
Un caro saluto di pace e bene


Enzo Fortunato
Direttore della Rivista

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits