NOTIZIE > francescanesimo

Gi.Fra. Giovani appassionati

La gioventù francescana interpella tutti i credenti e, specialmente, i frati e i professi dell’OFS, che non possono non essere autentici davanti a chi cerca il senso della propria vita

Gi.Fra. Giovani appassionati

Se si parla di famiglia, come è la variegata famiglia francescana, il pensiero non può che andare alla parte più fresca e entusiasta rappresentata dai più giovani. I ragazzi della Gioventù Francescana (Gi.Fra.), circa 4000 in Italia dai 14 ai 30 anni, dovrebbero avere un posto privilegiato nella famiglia francescana non solo perché è scritto nei documenti dell’OFS, ma perché è stata affidata ai francescani secolari, insieme ai frati, la grazia di ragazzi che si mettono sulle orme di Francesco per scoprire la propria vocazione e per cercare il senso e la speranza della loro vita, che è Gesù Cristo, tramite l’esperienza di fraternità. 

Splendida e difficile età, quelle dei gifrini, che tira in ballo prepotentemente la responsabilità degli adulti a tutti i livelli. Anche se sono organizzati autonomamente, utilizzando un linguaggio e modalità che rispondono alle esigenze e ai bisogni del mondo giovanile, i giovani chiedono agli adulti testimoni credibili e autentici, modelli da seguire, persone gioiose nel seguire Cristo che facciano vedere loro la bellezza e la gioia di vivere il Vangelo, adulti innamorati di Gesù e appassionati di Francesco, che può davvero aiutarli a capire la strada tracciata per loro verso il Signore. 

La gioventù francescana interpella dunque tutti i credenti e, specialmente, i frati e i professi dell’OFS, che non possono non essere autentici davanti a chi cerca il senso della propria vita. 

Ci è dunque richiesta una presenza attenta e non invadente, per non frustrare il loro bisogno di autonomia, ma per essere compagni di viaggio nella ricerca della propria strada e della propria vocazione, preoccupati solo che possano scoprire l’amore di Dio ed avere uno sguardo pieno di speranza verso il futuro, senza essere rassegnati o disillusi davanti alle difficili sfide che la società odierna presenta loro. 

Ragazzi e giovani della Gi.Fra., dunque, si pongono con serietà davanti agli interrogativi più seri che si affacciano dall’adolescenza e cercano, con stile fraterno e gioioso, di trovare Colui che è la risposta per la loro vita, scoprendo la propria personale vocazione, lasciandosi stupire e interrogare dalla bellezza dell’annuncio cristiano e francescano. 

E gli adulti hanno molto da imparare da questi giovani, per l’entusiasmo e la freschezza tipica del mondo giovanile, la loro sete di verità e di bellezza, che può risvegliare in qualche fraternità stanca o spenta, il desiderio di rimettersi in cammino, di essere veri e autentici per dialogare con loro, per testimoniare il carisma e il dono della vocazione francescana. 

di Paola Braggion, Ministro nazionale OFS Italia



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits