NOTIZIE > fede

Papa a udienza generale: il peccato divide da Dio e dai fratelli

Alla prima udienza generale del nuovo anno, il Papa si sofferma sull'atto penitenziale ed esorta a riconoscere i propri peccati e a chiedere perdono

Papa a udienza generale: il peccato divide da Dio e dai fratelli
Credit Foto - Ansa - MAURIZIO BRAMBATTI

Debora Donnini-Città del Vaticano

Fare i conti con la nostra debolezza è un’esperienza che ci fortifica e apre il cuore per invocare la misericordia di Dio che trasforma e converte. Il peccato invece divide dal Signore e dai fratelli. Stamani, nella catechesi della prima udienza generale del nuovo anno, tenuta in Aula Paolo VI, Papa Francesco spiega il significato dell’atto penitenziale, proseguendo così il ciclo di riflessioni dedicate alla Celebrazione eucaristica. Accolto da migliaia di presenti festosi, il Papa come di consueto, entrando, si ferma ad abbracciare soprattutto i bambini.

Non essere presuntuosi, sazi di presunta giustizia
“Che cosa può donare il Signore a chi ha già il cuore pieno di sé, del proprio successo?” si chiede. “Nulla”, afferma, perché il presuntuoso è incapace di ricevere il perdono, “sazio com’è della sua presunta giustizia”. Il re Davide, il pubblicano, il figliol prodigo ma anche san Pietro, Zaccheo, la samaritana hanno, invece, trovato il coraggio di togliere la maschera e invocare la misericordia di Dio. Chi è consapevole delle proprie miserie e abbassa gli occhi con umiltà, sente posarsi su di sé lo sguardo misericordioso di Dio. Sappiamo per esperienza che solo chi sa riconoscere gli sbagli e chiedere scusa riceve la comprensione e il perdono degli altri.

Le omissioni: non basta non fare del male, occorre fare il bene
Francesco invita, quindi, a riconoscere che i nostri pensieri e le nostre azioni sono spesso “mondane”, per questo si compie l’atto penitenziale con la formula di confessione generale, pronunciata alla prima persona singolare. E si confessa di aver molto peccato non solo in “pensieri, parole, opere” ma anche in “omissioni” – sottolinea il Papa – perché “non basta non fare del male al prossimo” ma “occorre scegliere di fare il bene cogliendo le occasioni per dare buona testimonianza”.

Il peccato taglia e divide da Dio e dai fratelli
Si chiede perdono a Dio e ai fratelli perché il peccato separa da entrambi: Il peccato taglia: taglia il rapporto con Dio e taglia il rapporto con i fratelli, il rapporto nella famiglia, nella società, nella comunità … Il peccato taglia sempre: separa, divide. Battersi il petto - spiega ancora - significa poi riconoscere che il peccato è per colpa mia e non puntare il dito per accusare gli altri. Per spiegarlo, racconta un aneddoto di un missionario: andò da lui una donna a confessarsi e iniziò a dire i peccati del marito, della suocera, dei vicini. Alla fine il sacerdote le disse che aveva finito con i peccati degli altri ed ora poteva cominciare a dire i suoi.

Infine, ricorda che “specialmente la domenica si può compiere la benedizione e l’aspersione dell’acqua in memoria del Battesimo, che cancella tutti i peccati”. (vaticannews.va)



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits