NOTIZIE > eventi

Santo Piacere, Dio è contento se godo: Scifoni fa ridere

Santo Piacere, Dio è contento se godo: Scifoni fa ridere
Credit Foto - www.teatrobrancaccio.it

«Non commettere atti impuri», raccomanda Dio nel sesto comandamento riportato dalla Bibbia. Ma questo passaggio del Vecchio Testamento, soprattutto oggi, solleva anche tra i fedeli cattolici ben più di un interrogativo su quali siano i confini esatti del sesso benedetto dal cielo. A sbrogliare la questione ci pensa la comicità, sì audace ma per nulla blasfema, di Giovanni Scifoni nel suo Santo piacere. Dio è contento quando godo, spettacolo che dopo aver sbancato i botteghini a Natale torna a Roma per otto repliche: alla Sala Umberto da stasera al 24 marzo e al Brancaccio il 10 aprile. «Un successo inaspettato – commenta Scifoni – che mi ha fatto riflettere sul potere del web. Mi sono diplomato alla Silvio D’Amico, a teatro ho lavorato con artisti come Paolo Poli, al cinema ho debuttato con Marco Tullio Giordana e in tv ho recitato nella serie Squadra antimafia.


Ma i miei spettacoli hanno iniziato a macinare sold out da quando lancio sui social gli irriverenti ritratti di santi antieroi: come San Giovanni di Dio, che per quarant’anni ha fatto il fricchettone poi lo chiudono in manicomio e ha la geniale idea di fondare un luogo per dare dignità ai malati, il Fatebenefratelli». Ed è subito valanga di like.


«Il web ti avvicina alla gente e i follower non ti spiano da lontano come fanno i telespettatori, ma partecipano, sono curiosi, vogliono vedere da vicino se sei autentico in quello che fai». E qui per Scifoni – romano, cattolico, classe 1976 - entra in ballo un altro comandamento, Non dire falsa testimonianza: «Il mio mestiere è interpretare, non fingere: in scena si può mentire per creare una verità, non un imbroglio e il pubblico riconosce la differenza. Io, con onestà e disinibita ironia, mi tuffo nell’identikit della santità del sesso, tra libidine, sentimenti, luoghi comuni, fedeltà, vizi e religione.


Dimostrando che Dio non ha nulla contro i piaceri della carne, se consumati nel rispetto di sé e degli altri. Mentre se la prende con chi, in nome della lussuria, mortifica le persone e i rapporti umani in una logica arida e consumistica». Nel suo monologo di formazione erotico-sentimentale, allergico ai falsi perbenismi, Scifoni usa l’umorismo per smascherare i paradossi dei bacchettoni e dei libertini. «Ma la mia risata non è distruttiva, sono un comico construens: costruisco un divertimento che non ha bisogno di essere spietato».


Natalia Distefano, Corriere della Sera




Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits