NOTIZIE > cronaca

Spoleto, raid nella canonica del prete antirazzista: casa devastata

Spoleto, raid nella canonica del prete antirazzista: casa devastata

Danni e un’intera canonica messa a soqquadro, ma nulla è stato rubato. Ha tutti i contorni dell’atto intimidatorio, il raid compiuto nell’abitazione di don Formenton, il prete antirazzista di Sant’Angelo in Mercole (Spoleto) che, nel tardo pomeriggio di venerdì scorso, ha trovato la casa completamente devastata. La notizia è stata riportata da alcuni giornali.


Raid nella canonica del prete antirazzista
 Ignoti si sarebbero introdotti forzando una delle finestre della canonica, dopodiché una volta all’interno hanno svuotato cassetti e scaffali, sparpagliando sul pavimento libri e altri oggetti, alcuni dei quali frantumati, come i quadri tirati giù dalle pareti o il cellulare del parroco, che lo aveva dimenticato a casa e lo ha ritrovato in mille pezzi. Le indagini del caso sono in capo ai carabinieri del comandante Aniello Falco, che hanno compiuto tutti i rilievi del caso nall’abitazione di don Formenton. Il parroco non ha riferito di ammanchi, anzi al ritorno dopo il raid erano ancora nella canonica sia una piccola somma di denaro che il computer.


«Non mi avete fatto niente»
 Anche per questo l’ipotesi è che ad agire in canonica non siano stati ladri. Le indagini dei carabinieri, coordinate dalla procura di Spoleto, stanno andando avanti: l’area della chiesa di Sant’Angelo in Mercole non è coperta da videosorveglianza, ma nella zona sono state acquisite le registrazioni di alcune telecamere. Per don Formenton si tratta di un atto intimidatorio, ma in ogni caso continua a vivere nella canonica. E’ spaventato? «Com’è quella canzone di Sanremo? Non mi avete fatto niente».


Vicinanza a don Formenton 
Solidarietà è stata espressa dal presidente consiglio comunale, Giampiero Panfili: «E’ un grave episodio di violenza che deve preoccupare stando alle modalità. A Don Formenton va la mia solidarietà e vicinanza, stimando e conoscendo la sua tenacia, so che anche episodi così gravi non riusciranno a scalfire la sua azione di buon pastore della nostra comunità». Anche il Pd di Spoleto «esprime piena solidarietà a a don Formenton per il vile gesto della devastazione della canonica. Condannando il gesto e auspicando che i colpevoli siano individuati al più presto, siamo vicini a tutta la comunità parrocchiale».


C.F., Umbria24



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits