NOTIZIE > attualita

Volontariato: l'oro d'Italia, la mano tesa di Cristo

Far parte di una ong o essere un semplice volontario ultimamente in Italia è diventato un compito coraggioso

di Roberto Pacilio
Volontariato: l'oro d'Italia, la mano tesa di Cristo
Credit Foto - Pixabay

Una notizia che ti lascia senza parole. Otto italiani, che avevano a cuore l’Africa e le sue tantissime difficoltà, hanno perso la vita nello schianto dell'aereo dell'Ethiopian Airlines vicino Addis Abeba. Storie di volontari e cooperanti in prima linea per aiutare gli altri. Sempre pronti a mettersi in gioco per gli ultimi. Il destino ha voluto morissero nella loro Africa. Un destino difficile da accettare e che lascia il segno. Quel segno che proprio loro hanno impresso nei cuori delle tante persone aiutate e incontrate sul loro cammino.


Far parte di una ong o essere un semplice volontario ultimamente in Italia è diventato un compito coraggioso, difficile e scomodo. I leoni da tastiera sono sempre dietro l’angolo. Sono momenti complicati per tutte le associazioni che con difficoltà e sacrificio vanno avanti senza perdersi d’animo e senza perdere di vista l’altro. Migliorare le condizioni di chi sta peggio di loro senza ricevere nulla in cambio, è questa la vera forza di chi si dona senza paura e senza pretese.




“Il volontario – scrive Papa Francesco nel suo messaggio per la Giornata mondiale del malato

 – è un amico disinteressato a cui si possono confidare pensieri ed emozioni; attraverso l’ascolto egli crea le condizioni per cui il malato, da passivo oggetto di cure, diventa soggetto attivo e protagonista di un rapporto di reciprocità, capace di recuperare la speranza... Il volontariato – conclude il Pontefice - comunica valori, comportamenti e stili di vita che hanno al centro il fermento del donare…”.




Abbiamo bisogno di segni concreti di solidarietà, soprattutto davanti all’indifferenza e all’individualismo. Non è da cristiani voltarsi dall’altra parte per nascondere ai propri occhi la sofferenza e il grido di aiuto dei poveri e degli emarginati.




Nel 2016 il Santo Padre parlando dell’importanza del volontariato sottolineò che “non c’è misericordia senza concretezza, voi siete la mano tesa di Cristo: ci avete pensato? Cari fratelli voi toccate la carne di Cristo con le vostre mani. Non dimenticatelo… ogni giorno, - continua Papa Francesco - spesso nel silenzio e nel nascondimento, date forma e visibilità alla misericordia. Voi esprimete il desiderio tra i più belli nel cuore dell’uomo, quello di far sentire amata una persona che soffre. Nelle diverse condizioni del bisogno e delle necessità di tante persone, la vostra presenza è la mano tesa di Cristo che raggiunge tutti”.



Ovunque ci sia una richiesta di aiuto: volontari, cooperanti e associazioni sono in prima linea con umiltà, dedizione e servizio disinteressato. L’opera di misericordia di chi si dona con umiltà e amore è il prolungamento di Gesù che si prende cura di chi soffre.



Roberto Pacilio
Redazione online

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits