NOTIZIE > attualita

Video sisma del ’97, Croce Rossa all’attacco

di Redazione online
Video sisma del ’97, Croce Rossa all’attacco
Credit Foto - Ansa

Non si placa la polemica tra la Croce rossa e il Comune di Assisi sulla campagna pro-terremotati promossa dalla Cri che utilizza anche immagini del crollo della Basilica superiore di Assisi del '97; utilizzo che ha scatenato la rabbia dell'amministrazione Proietti che dopo una diffida ha querelato la Croce rossa.

Da parte sua la Cri torna alla carica chiarendo le motivazioni del post e riservandosi "di tutelare la propria immagine nelle sedi opportune. Il 23 dicembre scorso sulla pagina ufficiale Facebook della Croce rossa italiana - si legge nell'ultima nota ufficiale - è stata pubblicata una campagna promossa da Facebook Italia sulla e in favore della ricostruzione delle zone colpite dal terremoto. Nelle immagini del video "Reversible Live" si fa riferimento a qualcosa di impossibile ed evidentemente non realistico, ovvero il "rewind", il poter tornare indietro solo spingendo un tasto. Chiaramente questo è un paradosso che nella vita reale di tutti i giorni, come nelle emergenze, non è possibile.

Nel video si susseguono vari fotogrammi di disastri di ieri e di oggi. Le immagini scorrono al contrario, dal momento del crollo alle strutture integre ancora non colpite dal terremoto: è chiaro, guardando il video, che si tratta di un montaggio surreale impossibile da equivocare. Alla fine compare il testo che spiega la campagna social: "Non si può mai tornare indietro. Ma si può guardare avanti. Insieme". Questa campagna - spiega ancora l'associazione - rientra nella collaborazione che la Croce rossa italiana ha con Facebook che all'indomani del terremoto ha deciso di donare dei credit alla Cri per generare un indiretto effetto moltiplicatore di solidarietà. Per evitare lo spreco di risorse, inoltre, si è deciso di ideare una campagna che potesse tenere i riflettori accesi anche quando l'emergenza fosse passata a fronte di una permanenza reale dei bisogni.

Proprio per questo è stata organizzata un'iniziativa chiamata "Hack for good", ovvero un concorso lanciato da Facebook Italia e Croce rossa italiana, in collaborazione con Assocom e Adci, per art director, copywriter e planner. L'idea vincitrice è stata proprio quella della campagna in questione che è incentrata sull'utilizzo del tasto "rewind". Pochi giorni dopo il lancio del video, la Croce rossa italiana è stata bersaglio di polemiche per l'utilizzo di alcuni fotogrammi, strumentalmente decontestualizzati, del terremoto del '97 nei quali appariva la Basilica di Assisi. Fin da subito - aggiunge ancora la nota - la Cri si è resa disponibile nei confronti dell'amministrazione del Comune di Assisi e della Regione Umbria modificando per ben due volte il testo del post su Facebook.

Il 31 dicembre il vicepresidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, diffondeva alle agenzie di stampa e ai media un comunicato in cui dichiarava: 'Abbiamo apprezzato la disponibilità con la quale il segretario generale della Croce rossa, Flavio Ronzi, si è fatto carico dell'accaduto modificando il post incriminato'. In questo modo le polemiche sembravano concluse. Purtroppo, però, gli attacchi contro la Cri sono continuati anche nelle ultime ore e questo testo vuole chiarire una volta per tutte cosa è successo.

È assurda la polemica contro la Croce rossa che prima, durante e dopo il terremoto del '97, come nel caso delle ultime drammatiche scosse, è stata vicina alla gente e alle amministrazioni locali, con i nostri volontari impegnati ad aiutare chi ha bisogno, ogni giorno, nelle emergenze come nella quotidianità. Di certo, i nostri volontari non avevano bisogno di questa polemica che sembra essere diventata solo uno strumento per avere un po' di risonanza mediatica. Peccato che tutto questo accada sulla pelle di chi ha scelto di fare volontariato, di chi si è messo all'opera un istante dopo le maledette scosse di terremoto che hanno colpito il Centro Italia a agosto e a ottobre e di chi sta ancora presidiando i territori colpiti anche nel periodo delle festività, in ogni condizione e in ogni modo. Rispediamo al mittente tutte le polemiche contro la Croce rossa italiana - concludono i vertici della Cri - e sinceramente siamo stupiti e amareggiati che qualcuno voglia usare una campagna social, condivisa e compresa da milioni di utenti, per fare polemica, invece di sostenere le migliaia di volontari che operano sul territorio, in Umbria, come in tutta Italia, riservandoci di tutelare la nostra immagine nelle sedi opportune".(Corriere dell'Umbria)


Redazione online

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits