NOTIZIE > attualita

Marcia Perugia-Assisi contro la Terza guerra mondiale. NOI CI SAREMO E VOI?

di Redazione online
Marcia Perugia-Assisi contro la Terza guerra mondiale. NOI CI SAREMO E VOI?

Una grande, grandissima, marcia per la pace. Da Perugia ad Assisi. Nei luoghi che più di ogni altro hanno dato forza e voce alla domanda popolare di pace e di giustizia, di disarmo e nonviolenza. E’ questa la prima cosa concreta che forse possiamo fare coralmente contro la Terza guerra mondiale in corso. Papa Francesco non poteva scegliere un’espressione più efficace per descrivere lo stato del mondo in cui viviamo. E ora che nessuno può più sminuire la tragica realtà delle cose, dobbiamo fare i conti con le nostre responsabilità.

Di fronte alle ipocrisie e alla debolezza della politica, all’inazione e alle complicità di coloro che avrebbero la responsabilità di agire, davanti alla profonda crisi delle istituzioni e della democrazia a cui ci siamo sempre appellati, dobbiamo sentirci tutti più coinvolti e corresponsabili. Il pericolo che avanza sul piano mondiale è grande e nessuno sarà in grado di proteggerci se, noi per primi, non sapremo costruire una politica davvero nuova: una politica di pace.

Papa Francesco ha evocato un mondo in guerra dove si commettono le più spaventose crudeltà contro bambini, donne, uomini e intere popolazioni. Ha sollecitato l’intervento immediato della tanto bistrattata Organizzazione delle Nazioni Unite, ha ricordato il dovere della comunità internazionale di proteggere i più vulnerabili, ha messo all’indice l’interventismo armato di questo o quel governo che pretende di fare da solo per i propri interessi, ha condannato ancora una volta il disastroso metodo della guerra e dei bombardamenti ma ha anche messo in gioco sé stesso: ha detto “sono disponibile ad andare in Iraq”. Ed è stata un’altra, l’ennesima, grande lezione, religiosa e laica, umana e politica di responsabilità.

Di questa lezione dobbiamo far tesoro tutti ma perché non sia solo un auspicio dobbiamo cominciare noi. Questo è il tempo in cui ciascuno deve mettersi in gioco. Ci sono mille modi per farlo. Ma poi c’è un giorno, il prossimo 19 ottobre, in cui possiamo fare una cosa tutti insieme. Unire le nostre voci, le nostre facce, le nostre gambe, le nostre preoccupazioni, denunce, domande, proposte e speranze e dare corpo ad una grande manifestazione di pace.

A questo possiamo dedicare i 60 giorni che ci separano dal prossimo 19 ottobre. A diffondere l’invito, via internet, di città in città, scuola per scuola, casa per casa. Perché ciascuno possa scegliere di esserci in prima persona. Molti hanno già aderito e si stanno impegnando ad organizzare la partecipazione, i pullman, il viaggio. Ma molto di più si potrà ottenere se ciascuno deciderà di fare la propria parte mettendo a frutto le proprie capacità e competenze. Contro tutte le guerre visibili e invisibili, quelle combattute con le armi e quelle che si combattono in campo economico e finanziario con mezzi altrettanto distruttivi di vite umane.

Flavio Lotti, Coordinatore della Marcia PerugiAssisi

www.perlapace.it


Redazione online

Commenti dei lettori

20-08-2014 16:00:26
Grazie per qusnto fate.Nonci dono coomenti Ls pace va ' cercata
20-08-2014 22:42:33
Ivana
Spero di esserci con mio marito ma da parecchio recitiamo il santo Rosario ogni sera e sopratutto cerchiamo di sollecitare anche altri a farlo. La festa e' finita anche per noi italiani e ora dobbiamo chiedere perdono per la nostra grande indifferenza!!!
21-08-2014 11:06:24
paolo donadio detto POLDO
vi voglio bene sono anni che vengo ad Assisi!a! Adifferenza di tanti sono convinto che laMARCIA DELLA PACE SIA UN GRANDE EVENTO!!! Con la pace nel cuore la pace che perceisco davanti alla tomba di frate Francesco!!!! Vi abbraccio.....
21-08-2014 23:09:28
Mara Fiorilli
quest'anno ci saremo ancora anche Claudia ed io perchè la Pace va perseguita con ogni mezzo pacifico e Francesco è colui che ci ha insegnato ad andare con umiltà e coraggio alla ricerca della pace
22-08-2014 15:37:12
Daniela
Io causa salute non potrò aggiungermi ma lo farò spiritualmente pregando ogni giorno..ah gente il 19 ottobre inizia una novena speciale in onore di un Santo poco conosciuto che può fare grandi grazie ( io sono testimone di questa verità). Il suo nome é San Giuda Taddeo a causa del suo nome viene confuso con Iscariota ma in realtà lui é un cugino di Gesù. Pregatelo e vi darà!
27-08-2014 00:28:01
Elisa R. Bottarelli
Como vivo lejos no voy a poder estar personalmente pero los voy acompañar espiritualmente con el rezo del Santo Rosario. Acompañemos al Papa Francisco que pidió orar por el fin de la violencia y por la paz en el mundo. En Argentina en todas la diócesis del país se respondió al pedido del Santo Padre de orar por la paz , incluso los mas chiquitos que se están preparando para su Primera Comunión unen sus voces por la paz. Pace e Bene.

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits