religione

Frati Assisi, vivere la festa di Ognissanti

Redazione

Coltiviamo le virtù che Francesco ci ha insegnato: povertà, umiltà, carità

Frati Assisi, vivere la festa di Ognissanti coltiviamo le virtù che Francesco ci ha insegnato.

Davanti a noi ci sono giorni importanti, di riflessione. Il primo novembre ci ricorda l'esempio di tutti i santi che nei secoli hanno lasciato, con la loro vita, testimonianza di Amore e Fede in Cristo. Guardiamo a loro, guardiamo a San Francesco per tenere a mente il senso della nostra esistenza terrena. Inseguiamo la "santità interiore dello spirito", coltivando le virtù che Francesco ci ha insegnato: povertà, umiltà, carità. 


Frati Assisi festa Ognissanti


Il 2 novembre, giorno in cui i nostri pensieri vanno ai defunti, dev'essere una ricorrenza vissuta con gioia. Riprendiamo le parole scritte da frate Elia dopo la morte di Francesco: "Figli e fratelli miei, non vogliate abbandonarvi a una tristezza eccessiva, perché Dio, padre degli orfani, ci conforterà con la sua santa consolazione. E se piangete, fratelli, piangete su voi stessi e non su di lui. Noi, infatti, nel bel mezzo della vita siamo nella morte, lui invece è passato dalla morte alla vita". 

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA