politica

MANOVRA, VIA LIBERA DEL SENATO TRA LE POLEMICHE

Redazione online ANSA

Il Senato ha confermato la fiducia al Governo sulla Manovra economica

L'Aula del Senato approva la Manovra. Il testo torna alla Camera per la terza lettura. Il testo approderà in Aula a Montecitorio il 28 dicembre. I voti a favore sono stati 163, 68 i contrari e due gli astenuti.

Il Senato ha confermato la fiducia al Governo sulla Manovra economica. I voti a favore sono stati 167, 78 i contrari e tre gli astenuti, tra cui il senatore a vita Mario Monti. "Un primo passaggio è stato completato, adesso passiamo alla Camera": è quanto si è limitato a dire il premier Giuseppe Conte, lasciando Palazzo Madama dopo il voto.



Il governo pone la fiducia nell'Aula del Senato sul maxiemendamento alla manovra. Ma è caos a Palazzo Madama: arriva nel tardi pomeriggio il via libera della commissione Bilancio, ma il testo è stato votato solo dalla maggioranza. Tutta l'opposizione ha abbandonato la commissione. Le dichiarazioni di voto sulla fiducia posta dal governo sul maxiemendamento alla manovra nell'Aula del Senato dovrebbero iniziare intorno alle 23.30. La votazione sulla fiducia, di conseguenza, dovrebbe avvenire dopo la mezzanotte. "La maggioranza - spiega il capogruppo del Pd Andrea Marcucci - ha deciso di andare avanti ad oltranza, fino a notte fonda. Per cui dopo che verrà approvata in Aula la proposta di calendario ci sarà una discussione generale che durerà 3 ore e mezza, visto che la maggioranza ha rinunciato ad intervenire in quella fase per guadagnare tempo. Dopodichè si passerà alla chiama per approvare ogni cosa di notte". Alla ripresa dei lavori dell'Aula, la presidente Elisabetta Alberti Casellati ha annunciato che le dichiarazioni di voto verranno trasmesse in diretta tv. 

E c'è stata bagarre nell'Aula del Senato dopo la votazione sul calendario dei lavori. La confusione era tale, con la protesta del Pd, che la presidente Elisabetta Alberti Casellati ha dovuto sospendere la seduta. Dei senatori del Pd hanno occupato i banchi del governo nell'Aula del Senato. La presidente Elisabetta Alberti Casellati li ha invitati ad allontanarsi e ha chiesto l'intervento dei questori. La senatrice Simona Malpezzi ha accusato la senatrice questore Laura Bottici (M5S) di "averle messo le mani addosso". "Desidero che tutti siano garantiti qui", ha reclamato. Si è visto volare un fascicolo. "Se c'è stato qualche atteggiamento offensivo sarà verificato. Io non l'ho visto ma lo verificherò nell'interesse della garanzia dei diritti di tutti", ha puntualizzato la presidente Casellati. Al momento ai banchi del governo c'è il ministro dell'Economia Giuseppe Tria con un gruppo di sottosegretari. Il capogruppo del Pd Andrea Marcucci ha accusato di "squadrismo", reclamando la sospensione della seduta, ed ha urlato "vergogna" alla presidente Casellati che ha posto in votazione il calendario senza sospendere la seduta. Poco dopo, mentre il Pd continuava a protestare, la seduta è stata sospesa.

Pd solleverà ricorso a Corte costituzionale- "Viste le gravissime violazioni dell'articolo 72 della Costituzione, il gruppo parlamentare del Pd esprime la volontà di sollevare ai sensi dell'art. 134 della Costituzione il ricorso diretto alla Consulta affinchè si pronunci sulla enormità che si sono compiute sotto i nostri occhi e sotto quelli del Paese da parte di questo governo violento che se ne frega dei diritti del Parlamento", ha annunciato nell'Aula del Senato il capogruppo Andrea Marcucci.

Il via libera in Commissione è stato preceduto da proteste: "Dateci un testo, vergogna, siete dei buffoni", hanno urlato i senatori delle opposizioni davanti all'ufficio del presidente della commissione Bilancio Daniele Pesco poco prima che ripresse l'esame del maxiemendamento. (Ansa).


Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA