esteri

Kiev, la cattedrale di San Nicola sarà restituita alla Chiesa cattolica

Andrea Gagliarducci Acistampa

Da decenni è amministrata dallo Stato

È fissata all’1 giugno 2022 la data di restituzione della cattedrale di San Nicola di Kiev alla Chiesa cattolica. Da decenni, la chiesa nel centro della capitale ucraina è amministrata dallo Stato, e solo la scorsa settimana, dopo lunghe trattative, il ministero della Cultura ha approvato la restituzione della cattedrale. È stato anche raggiunto un accordo per eseguire urgenti lavori di ristrutturazione.

La Cattedrale di San Nicola, costruita in stile neogotico dal 1899 al 1909 su progetto dell'architetto Wladyslaw Horodecki, ha due torri a sesto acuto alte 62 metri ed è la seconda chiesa cattolica più antica di Kiev dopo la Chiesa di Alessandro. 

Servì al suo scopo originale solo per un breve periodo, poiché la chiesa fu chiusa dal regime comunista negli anni Trenta del Secolo scorso. È stata poi un magazzino ed è stata gravemente danneggiata durante la Seconda Guerra Mondiale. Parzialmente ristrutturata nel Dopoguerra, la cattedrale ha ospitato l’archivio della regione e la Casa dell’organo e della Musica da Camera.

Nel 1992, la Chiesa cattolica è stata autorizzata a tenere funzioni religiose nella cattedrale, così come concerti. L’ostacolo più grande è stato il trasporto dell’organo in un altro edificio, dato che era stato costruito per la sala da concerto della Casa dell’Organo e della Musica da Camera. Il 3 settembre 2021, lo strumento è stato comunque distrutto da un incendio causato da un difetto tecnico dell’organo., che ha anche danneggiato parti interne della cattedrale.

La chiesa necessitava dunque un ampio restauro, e questi lavori dovrebbero essere completati a marzo del prossimo anno. La cattedrale, considerata un patrimonio culturale di importanza nazionale, potrebbe già essere consegnata alla parrocchia di San Nicola in questo momento. (Acistampa)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA