attualita

Al via il Natale ad Assisi, accesi albero e presepe [VIDEO]

Redazione

'La casa comune è in rovina, prendiamoci cura di nostra madre terra'

“La casa comune è in rovina, prendiamoci cura di nostra madre terra”. È questo il messaggio che parte dalla piazza inferiore della Basilica di San Francesco d'Assisi durante l’accensione e la benedizione dell'albero di Natale e del Presepe provenienti dalle zone colpite nel 2018 dalla tempesta Vaia che distrusse migliaia di ettari di foresta. Partecipano all’evento il Relatore Generale Sinodo Amazzonia, Cardinale Cláudio Hummes, il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, e il Sindaco di Betlemme, Anton Salman. 

GUARDA IL VIDEO DELL'ACCENSIONE DELL'ALBERO 


Il Presepe, donato dall’Associazione “Io Amo Castellavazzo”, è composto da pastori in legno di abete rosso a grandezza naturale. L'albero di 14 metri offerto dalla “Regola” di Borca di Cadore, verrà addobbato con circa 45mila luci a led. Sono stati donati da artisti, associazioni e artigiani veneti oggetti natalizi in legno che la Comunità francescana metterà all’asta per i poveri dell’Umbria.

Alle 15.00 nel Sacro Convento di Assisi si è tenuto un evento, moderato dal Presidente di Symbola, Ermete Realacci, dal titolo “La casa comune in rovina. Cosa fare?” al quale parteciperanno il Relatore Generale Sinodo Amazzonia,Cardinale Cláudio Hummes, il fondatore dell’Associazione Slow Food, Carlo Petrini e il Chief Services & Stakeholder Relations Officer di Eni,Claudio Granata.

Alle 17.00 la Santa Messa nella Basilica Inferiore presieduta dal Cardinale Cláudio Hummes. Durante l'omelia, il Cardinale, ha affrontato il tema della crisi climatica, ricordando come «l'Immacolata Concezione di Maria porta anche uno speciale messaggio al mondo odierno, che pretende di ignorare l'essenza del peccato e il danno che infligge a tutta la creazione. Nel creato tutto è connesso, dice papa  Francesco. Perciò il peccato degli esseri umani, sia individuale sia collettivo, danneggia anche il creato, come lo dimostra l'attuale grave e urgente crisi climatica e ecologica. In questo contesto, appare anche l'Amazzonia, danneggiata, depredata, degradata da interventi umani irresponsabili, neo-colonialisti, predatori». «Le ferite dell'Amazzonia e della sua gente - ha proseguito Hummes - oggi gridano aiuto».

Alle 18.15 al termine della celebrazione, nella piazza inferiore di San Francesco, la cerimonia di accensione e benedizione dell’albero di Natale e del Presepe durante la quale sono stati consegnati i doni alle famiglie più bisognose. Il Custode, padre Mauro Gambetti ha salutato così le persone presenti in piazza:

Hanno partecipato tra gli altri la Sindaca di Assisi, Stefania Proietti, la Presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, e per la RegioneVeneto, Fabrizio Stella, “Soggetto Attuatore per il rilievo opere agricolo-forestali” per l’emergenza post Vaia.

Non sono mancati i canti tradizionali natalizi. Durante l’evento si è esibito il coro delle classi I della Scuola Media Frate Francesco, le classi V della Scuola Elementare S. Antonio e le classi V della Scuola Elementare di Rivotorto diretti dalla Professoressa Gloria Negroni e accompagnati alla tastiera dal M° Michele Fumanti.

Alle 20.00 in Basilica Superiore “Aspettando il Natale”: un incontro tra parole e musica con Giovanni Allevi che spiega il suo nuovo progetto musicale "Hope" previsto al Teatro Morlacchi di Perugia il prossimo 16 dicembre alle 21.00.

Le iniziative dell’8 dicembre del Sacro Convento di Assisi, con il patrocinio di Regione Umbria e Regione Veneto, sono sostenute da Banco BPM e dalla San Marco Bioenergia SpA.

Lo rende noto il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato.

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA