BLOG > blog

Edoardo Scognamiglio

Guardare la città e il mondo con gli occhi della fede per costruire ponti

Come guardiamo le nostre città? Con indifferenza, con disprezzo? Oppure con la fede che riconosce i figli di Dio in mezzo alle folle anonime? Sono gli interrogativi che ogni missionario deve porsi e che papa Francesco ha richiamato nell’udienza di oggi (mercoledì, 6-11-2019), ripercorrendo il viaggio missionario di Paolo ad Atene e meditando sul modo di evangelizzare dell’apostolo delle genti tra attese, adesioni e insuccessi. San Paolo, ha ribadito papa Francesco, «sceglie lo sguardo che lo spinge ad aprire un varco tra il Vangelo e il mondo pagano», facendosi «pontefice, costruttore di ponti».

Si tratta di entrare in empatia con gli uditori ai quali proclama che Dio «vive tra i cittadini», senza la pretesa di essere compresi o di mettere da parte la propria cultura. L’annuncio del Vangelo entra nelle culture, nelle storie e nelle vite politiche e sociali degli uditori, provando ad evangelizzare il vissuto umano di chi abita gli spazi urbani solo dopo un processo d’inculturazione della fede.

Si può annunciare Gesù Cristo solo dopo l’incontro dialogico con chi ci sta di fronte, senza la pretesa di una conversione immediata e di un’adesione incondizionata, priva di riserve, di domande, di ricerca di senso e di valore. Diversamente, così com’è già avvenuto nella Chiesa cattolica (e non solo) per il passato, il cristianesimo diventa ideologia e corre il rischio di identificarsi con una sola cultura e proposta di vita, dimenticando – invece – che il Vangelo, per sua forza e grazia, assume tutte le culture e le tradizioni dei popoli e delle comunità senza identificarsi con nessuna di essa in maniera assoluta.

Papa Francesco pone in evidenza il metodo dialogico e missionario di san Paolo che, dopo il confronto con gli esponenti del mondo culturale ateniese (filosofi, retori e maestri pagani), invita tutti ad andare oltre «i tempi dell’ignoranza» e a decidersi per la conversione in vista del giudizio imminente. «Paolo approda così al kerygma e allude a Cristo, senza citarlo, definendolo come l’“uomo che Dio ha designato, dandone a tutti prova sicura col risuscitarlo dai morti” (At 17,31)».

Il metodo kerygmatico di san Paolo non annacqua la verità del Vangelo ma gli dona ancora più forza e vigore affinché nel cuore della gente ritorni la domanda sul senso della vita, sul mistero stesso di Dio e sul dono della fede. Papa Francesco ha chiesto a tutti i credenti di domandare allo Spirito Santo di «insegnarci a costruire ponti con la cultura, con chi non crede o con chi ha un credo diverso dal nostro».

Si tratta di assumere uno stile dialogico anche nell’annuncio del Vangelo e nel confronto con le altre fedi, culture e religioni, rinunciando alla violenza, evitando polemiche e aggressioni, con la capacità di «inculturare con delicatezza il messaggio della fede, ponendo su quanti sono nell’ignoranza di Cristo uno sguardo contemplativo, mosso da un amore che scaldi anche i cuori più induriti». Nasce spontanea la domanda: “Come annunciamo il Vangelo oggi?”; e inoltre, “Quali strategie abbiamo a disposizione?”.

Non è forse vero che un vissuto di fede che si mostra intollerante e chiuso alle sfide odierne che il mondo presenta ogni giorno non è per niente credibile? Riaffiora alla mente lo stile missionario inaugurato da san Francesco che, ai missionari coraggiosi mossi da divina ispirazione per annunciare il Vangelo tra i saraceni, chiede di evitare dispute e di agire con mansuetudine e gentilezza, senza mai assecondare la logica della prevaricazione e della prepotenza.

Il messaggio è forte e chiaro: la verità è Gesù Cristo e si è consegnata a noi in modo umile, semplice, attraverso la croce. Il messaggio cristiano, dunque, è per sua natura un fatto dialogico, relazionale, inclusivo, propositivo, aperto al confronto: ed è genuino – resta inalterato – nella misura in cui è presentato nella logica del “se vuoi”, della libertà di coscienza, dell’adesione libera e incondizionata, della scoperta di senso e dello stupore della vita nuova in Cristo. Anche oggi, innanzi all’indifferenza di molti, all’emarginazione del messaggio cristiano – del Vangelo e della forma storica delle comunità, ossia delle Chiese che in tanti non frequentano più o nelle quali non si riconoscono assolutamente (rafforzando il motto “Cristo si, Chiesa no”)– nel mondo, siamo credibili con la testimonianza della vita, con la nostra disponibilità all’incontro, a una relazione dialogica che può diventare fraterna, ossia, capace di accogliere e promuovere l’altro nella sua stessa diversità, senza per questo rinnegare la fede.

D’altronde, costruire ponti, farsi dialogo di amore per il bene del mondo e del prossimo, significa che noi non siamo i possessori della Verità, ma che, invece, siamo posseduti – come san Paolo, come il Poverello, come i tanti santi e maestri che si sono fatti strumento di pace e di riconciliazione –, da una verità più grande che è Gesù Cristo, il dialogo di Dio – Verbo eterno – che si è fatto per sempre amore crocifisso e risorto per tutti.

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO BLOG

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento:
Blog di Edoardo Scognamiglio

SAN FRANCESCO E IL SENSO AUTENTICO DELLA BELLEZZA

Leggi il Blog | Commenti (0)

San Francesco, modello di pace e unità

Leggi il Blog | Commenti (0)

Miriam e la luce del Risorto

Leggi il Blog | Commenti (0)

La nostra speranza è Gesù Cristo, il Crocifisso-Risorto

Leggi il Blog | Commenti (0)

Amare nonostante la sventura del male

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il fragile dono della Vita consacrata: fidarsi di Cristo è bello

Leggi il Blog | Commenti (0)

Catastrofi naturali: Perché agli innocenti non è risparmiato tanto dolore?

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il Padre misericordioso

Leggi il Blog | Commenti (0)

Guardare oltre per arricchirsi davanti a Dio

Leggi il Blog | Commenti (0)

E venne ad abitare in mezzo a noi...

Leggi il Blog | Commenti (0)

Terrorismo: continuare ad amare nonostante la sventura del male

Leggi il Blog | Commenti (0)

IL MONDO COME SACRAMENTO

Leggi il Blog | Commenti (0)

L'anziano non e' un alieno...

Leggi il Blog | Commenti (0)

La vita consacrata come luogo di frontiera e le attese di papa Francesco

Leggi il Blog | Commenti (0)

Sete di Gesu' – desiderio di unita'

Leggi il Blog | Commenti (0)

Abbiamo bisogno della pace

Leggi il Blog | Commenti (0)

Che cosa sarebbe la Chiesa senza Francesco?

Leggi il Blog | Commenti (0)

Francesco non e' papa

Leggi il Blog | Commenti (0)

Si possono amare i nemici? Come è difficile essere cristiani

Leggi il Blog | Commenti (0)

Si possono amare i nemici? Come e' difficile essere cristiani

Leggi il Blog | Commenti (0)

Le vecchiette e il teologo

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il cristiano deve camminare sempre

Leggi il Blog | Commenti (0)

Una questione di cuore

Leggi il Blog | Commenti (0)

La Chiesa e' una grande famiglia

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il mondo soffoca senza dialogo

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il dialogo non e' mai una perdita di tempo

Leggi il Blog | Commenti (0)

Servire con il cuore di Cristo: la missione di vescovi, sacerdoti e diaconi

Leggi il Blog | Commenti (0)

Come vogliamo vivere?

Leggi il Blog | Commenti (0)

Nella Galilea delle genti

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il sacramento che fa crescere la Chiesa

Leggi il Blog | Commenti (0)

La famiglia e' il motore del mondo e della storia

Leggi il Blog | Commenti (0)

Accoglienza, festa e missione: le tre parole di papa Francesco

Leggi il Blog | Commenti (0)

Nella Chiesa c'e' posto per tutti e nessuno e' inutile

Leggi il Blog | Commenti (0)

Fidiamoci di Cristo

Leggi il Blog | Commenti (0)

Con i giovani per annunciare il Vangelo
Il viaggio di Papa Francesco in Brasile

Leggi il Blog | Commenti (0)

Papa Francesco a Lampedusa per vincere indifferenza con il dono delle lacrime

Leggi il Blog | Commenti (0)

Cercare l'unita' nella Chiesa e tra i cristiani

Leggi il Blog | Commenti (0)

La legge dell'amore per aprire le porte e annunciare il Vangelo

Leggi il Blog | Commenti (0)

Sequela, comunione e condivisione

Leggi il Blog | Commenti (0)

Evangelizzare ci tira su e ci da' gioia

Leggi il Blog | Commenti (0)

Giocare la vita per grandi ideali

Leggi il Blog | Commenti (0)

La risurrezione che ci apre alla speranza e il ruolo delle donne

Leggi il Blog | Commenti (0)

Mi piace questo papa!!!

Leggi il Blog | Commenti (0)

Il sogno di Francesco e del papa: riformare la Chiesa a partire dalla propria vita

Leggi il Blog | Commenti (0)

Vedo la Chiesa viva! L'ultimo saluto di Benedetto XVI

Leggi il Blog | Commenti (0)
WEB CAM
la cripta
di San Francesco
Abbonati ONLINE
Rivista
San Francesco
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits