RUBRICHE >

GIOVANI ITALIANI IN UN VIAGGIO A PIEDI VERSO ASSISI PER LA XXXVII MARCIA DEL PERDONO

Parte la 37esima edizione promossa dai francescani. Da Nord a Sud, in cammino per raggiungere Assisi. Un pellegrinaggio di carattere penitenziale.

Gli umbri, i più vicini alla meta, si sono ritrovati il 25 al Palazzetto dello sport di Passignano sul Trasimeno. I giovani calabri, invece, si sono dati appuntamento a Diamante, in provincia di Cosenza, paese turistico della costa tirrenica: fra i villeggianti porteranno la loro testimonianza e daranno il via alla 37ª Marcia francescana sul tema «Un passo oltre», che si concluderà il 4 agosto qui ad Assisi ma avrà il suo culmine due giorni prima alla Porziuncola, per la Festa del perdono. Ad accompagnare questo popolo di camminatori, anche frati e suore. Padre Luigi Loricchio, frate minore e animatore vocazionale, affiancherà con 6 confratelli e 3 religiose francescane una cinquantina di ragazzi calabri dai 17 ai 36 anni. «La mia vocazione nasce nel 2001 proprio durante la Marcia: avevo 17 anni e cominciavo a interrogarmi su questa possibilità – ricorda –. Durante questa esperienza mi hanno sorpreso il Signore e la gioia tra i frati. In me, oltre all’entusiasmo, è maturato il desiderio di approfondire e pregare; dopo 2 anni di discernimento sono entrato in convento. E questa per me sarà la quattordicesima Marcia».

Il ritmo delle giornate si annuncia piuttosto serrato: "Di mattina percorreremo circa 16 chilometri al giorno, passando per Grisolia. Santa Maria del Cedro, Orsomarso, Scalea, Praia a mare; il pomeriggio verrà scandito da catechesi, momenti di condivisione e di evangelizzazione nelle piazze dei paesi che toccheremo, coinvolgendo le comunità parrocchiali che ci ospitano. Il 31 raggiungeremo in pullman il Santuario della Verna per una giornata di ritiro e il primo sera dormiremo a Palazzo, a dieci chilometri dalla meta" 'Kantiere Kairòs' è il nome della rock band che firma l’inno della Marcia di quest’anno. «Proprio fratel Luigi, che conosciamo da tempo, ci aveva invitato a inviare un nostro brano per partecipare alle selezioni dell’inno. A maggio una commissione di frati provenienti da tutta Italia lo ha scelto: s’intitola 'Un passo oltre', lo slogan del cammino», racconta Jo Di Nardo, chitarrista del gruppo cosentino che il 2 agosto canterà il brano all’arrivo dei marciatori sulla piazza davanti alla Porziuncola, e lo anticiperà la sera precedente durante un concerto gratuito a Casa Frate Jacopa delle francescane alcantarine. «Parliamo in musica di Dio rivolgendoci non solo a chi crede, ma anche a coloro che hanno perso la speranza; proviamo a seminare senza sapere quale sarà il frutto, continuando sempre il nostro cammino di conversione. Ed è una grande gioia essere insieme come band ad Assisi per la prima volta. Singolarmente ci siamo venuti tante volte: io ho partecipato alla Festa del perdono nel 2001 durante un pellegrinaggio parrocchiale; ero fidanzato con Emanuela, che poi è diventata mia moglie».

Il fascino del Poverello di Assisi ha colpito anche la 41enne suor Vincenzina Botindari, francescana missionaria del Cuore Immacolato di Maria, trapiantata a Roma ma originaria di Casteltermini (Agrigento); si unirà al cammino di 110 giovani siciliani: «La mia prima Marcia, a 19 anni, è stata determinante, dopo l’intervento di Dio e il discernimento vocazionale con la mia guida spirituale. È un pellegrinaggio penitenziale che aiuta a crescere umanamente e spiritualmente: ti spoglia da ogni sicurezza e quando cominci a sperimentare la tua fragilità puoi fuggire oppure poggiare il cuore stanco tra le mani Dio perché lo illumini. Non è un semplice cammino fisico, ma un movimento spirituale molto più impegnativo ». Fra i ragazzi ci sarà Barbara Grillo, 23 anni, babysitter di Misterbianco (Catania): «Facendo parte di una parrocchia francescana è inevitabile parlare della Marcia, che ti mette in continuo confronto con te stessa e di conseguenza con il Signore. Sicuramente saranno dei giorni faticosi anche spiritualmente: non è facile, ma bisogna mettersi in gioco al 100%». (Avvenire)

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento:
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits