RUBRICHE > Rubrica 800 Anni

Francesco lo si incontra là dove è testimoniato

Credits Ansa



Ottocento anni fa iniziava una delle avventure più affascinanti della storia della Chiesa, ma direi visto il riscontro, della società, dell'uomo. Dopo un lungo periodo di gestazione, non privo di diffi coltà, l'incontro tra Francesco e Innocenzo siamo nel mese di aprile del 1209 dà il via al nuovo cammino animato da una “forma vitae” che troverà espressione compiuta e dinamica nella Regola bollata del 1223. Un'avventura che trova una sua sintesi nelle parole del medievalista Vandenbroucke: “La primavera francescana si inserisce come la risposta provvidenziale a tutte le aspirazioni sgorgate dal più profondo dell'anima cristiana [...]. La storia di Francesco è una delle meglio conosciute. [...] Tutti, cattolici e non cattolici, credenti e non credenti ne sono stati in ogni tempo toccati. In tutti nasce la sensazione di scoprivi il Vangelo nella sua integrale purezza”. una scelta universale, raggiunge ogni latitudine; trasversale, tocca ogni persona; parziale, perch non ammette relativismo. Una scelta che Francesco ha vissuto e compiuto: quella del camminare insieme. Eccoci allora ad alcune indicazioni di carattere antropologico: “La chiave di un uomo si trova negli altri: è il contatto con il prossimo che ci illumina su noi stessi, e da questo contatto scaturisce la luce su noi stessi”. Sono le parole di Claudel in “Memorie improvvisate” che sintetizzano la visione della fraternità. Ma anche alcuni adagi popolari: “Se vuoi arrivare primo, corri da solo. Se vuoi camminare lontano, cammina insieme”. Quindi homo homini frater e non homo homini lupus. Oltre all'indicazione antropologica, questo evento ci dice il senso spirituale di un cammino, sostenuto dalle carezze di Dio: è porre al centro della propria esistenza un itinerario che non è fatto di ascesa ma di discesa.

Nella tradizione greca l'amore era inteso come un partire dal basso verso l'alto, dall'informe alla forma, dall'imperfetto al perfetto. Invece l'amore cristiano e francescano, si manifesta e si rivela nel discendere di Gesù verso l'umanità: il nobile si abbassa all'ignobile, il bello al brutto, il sano al malato senza la paura di perdere qualcosa di s. Ed è in questo che possiamo comprendere lo scendere da cavallo di Francesco per abbracciare, ma prima ancora guardare negli occhi, il lebbroso. Anche l'indicazione sociologica che emerge dall'avventura francescana è capace di regalarci una nobile suggestione. Non una società gerarchizzata dove l'uno è sopra l'altro, ma una società circolare dove l'uomo è accanto all'altro condividendo la più bella delle esperienze, quella che non lascia l'amaro in bocca: essere l'uno per l'altro. Ecco perch l'Assisiate non desiderava che vi fossero dei superiori, ma dei fratelli maggiori, dei guardiani, chiamati a custodire più che a comandare, chiamati ad essere madri l'uno per l'altro. questa esperienza che vorrei presentarvi in questo numero speciale dedicato agli ottocento anni di questo cammino. Un anniversario particolare che ha felicemente scombussolato la struttura della rivista. Le tappe prendono l'avvio dalla nascita del carisma, dalla sua attualità, dei suoi rischi, del suo raccontarlo e non ultima della sua santità e della sua celebrazione. Piccole o grandi sezioni con le penne più belle del panorama italiano ed internazionale. Un termine ricorrerà spesso: carisma. Ed è quello che ritma la struttura della rivista. Ma che significa carisma? Deriva dal greco Chàrisma e significa dono. Viene da Dio. E quando una vita diventa dono essa non può non esercitare il fascino che rimanda alla bellezza, alla bontà, e alla verità di Dio. Sono vere allora le parole di Arrigo Levi nel ricordarci che “Dio lo si incontra là dove è testimoniato” e parafrasandolo potremmo dire che Francesco lo si incontra là dove è testimoniato. di Enzo Fortunato

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento:
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits