RUBRICHE > Rubrica 150 Anni

Intervento On. Luca Zaia, Presidente della Regione del Veneto

Credits Ansa



Sono davvero felice di rinnovare oggi, con questo confronto di idee, il rapporto d'amicizia e stima che mi lega al Sacro Convento di Assisi e alla sua comunità. E di farlo discorrendo di un tema - l'unità d'Italia - che mai come in questo momento tocca le coscienze di tutti. Il mio pensiero è da sempre quello che questo patto unitario vada riscritto su basi nuove. Il matrimonio fra le diverse regioni italiane, compresa l'Umbria che voi abitate e che ospita il suo popolo dal 2000 a.C., è stato celebrato forzosamente, per tali e tanti interessi che non basta questa paginetta a contenerli tutti, ma che certamente non erano quelli dei popoli che abitavano la penisola. Così, oggi, quella fasulla speranza nel progresso comune e inesorabile dell'Italia unita che era stata propinata ai nostri bisnonni, si è frantumata. E anzi il divario e le differenze fra i territori sono diventati più profondi. Per alcuni, la celebrazione dei 150 anni dell'unità è diventata un'occasione celebrativa e in qualche caso autoreferenziale. Per altri, un pretesto ideologico. Si dimentica così larga parte di quell'intuizione unitaria che con Cavour, Gioberti, Cattaneo e Rosmini cercò di unire il più tollerante pensiero laico alla più fervida esperienza cattolica. Purtroppo non andò come questi spiriti importanti e ancora vivaci avrebbero voluto. Prevalse l'unitarismo, che legò, non sempre nobilmente, il Mezzogiorno d'Italia ai destini di casa Savoia.

Una lettura parziale e scorretta della Costituzione fece il resto, in quell'immediato dopoguerra che pure era animato dal federalismo impenitente del siciliano Luigi Sturzo e del piemontese Luigi Einaudi. La via da percorrere oggi è quella del federalismo. Il riconoscersi nelle differenze, il restituire dignità alle identità di ciascun popolo che vive su territorio italiano, dai veneti agli umbri, dai siciliani ai liguri, è la chiave per l'unità vera di questo Paese. E' necessario scrivere una Storia nuova, più vera e più giusta, e dare ai prossimi 150 anni dell'Italia unita un cuore pulsante, e non soltanto il volto consumato di una leopardiana “povera ancella”.

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento:
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits