NOTIZIE > societa

Il rinnovo di una fraterna amicizia nel nome di frate Jacopa de' Settesoli

Il rinnovo di una fraterna amicizia nel nome di frate Jacopa de' Settesoli

Un'amicizia che si rinnova nel nome di Jacopa de' Settesoli, Castellana di Marino, discepola di San Francesco (che la chiamava "Frate Jacopa"), donna nobile e ricca che ha saputo rinunciare a tutto per abbracciare gli insegnamenti del Santo di Assisi e fondare l'ordine delle Terziarie francescane. 


Si è svolta sabato 28 ottobre la cerimonia per il "Rinnovo della fraterna amicizia" tra i Comuni di Marino, Assisi e Cortona legati dalla figura della nobildonna, che morì in Assisi l'8 febbraio 1239 e riposa nella Basilica Inferiore di San Francesco davanti alla tomba del Santo. «Non si tratta - ha dichiarato padre Antonio di Marcantonio, delegato per la città di Cortona dal sindaco Francesca Basanieri impossibilitata a partecipare - solo di folclore e tradizione, ma c'è tutta la storia con il suo aspetto sociale, i rapporti improntati al tema della spiritualità».

Padre Antonio ha poi rammentato ai partecipanti la presenza del famoso cuscino custodito nella chiesa di San Francesco a Cortona sul quale egli stesso ha avviato gli studi per riconoscerne l'autenticità e quindi conservarlo come reliquia. Cuscino che, nel tempo, l'Associazione marinese "Lo Storico Cantiere" ha riprodotto in ogni particolare e donato alla comunità francescana di Cortona.

«È un onore - ha detto il sindaco di Marino Carlo Colizza - vivere insieme questo grande momento di profonda unione tra le nostre città. A testimonianza che i legami della storia servono a farci sentire comunità e a farci crescere come tale». Come delegato di Assisi, il consigliere comunale Carlo Migliosi ha detto: «Jacopa è stata precursore di un modo di vedere il bene comune». Soddisfatta anche Valeria De Luca, presidente dell'associazione "Lo Storico Cantiere" che ha voluto arricchire la cerimonia facendo arrivare a palazzo Colonna gli "Ospiti della Storia": Jacopa dé Settesoli con il figlio Giovanni, il notaio che ha dato lettura dello Statuto firmato dalla Castellana di Marino il 31 maggio 1237.

Una narratrice in costume dell'epoca ha illustrato la figura di Jacopa con un sottofondo di musica medievale, curato da Mario Alberti e Martina Nasini. (Avvenire)



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits