NOTIZIE > religione

Viaggio in Abruzzo alla scoperta dei frati conventuali di San Bonaventura

di Gelsomino Del Guercio
Viaggio in Abruzzo alla scoperta dei frati conventuali di San Bonaventura

Un viaggio in Abruzzo sulle orme dei frati minori della Provincia di San Bonaventura. I religiosi sono presente in tutta la regione con molte attività e un buon seguito, che testimonia come il francescanesimo sia forte e vivo. Andiamo a scoprire dove sono le fraternità e quale è quella più congeniale alle vostre esigenze.

A Celano, in provincia di L'Aquila, presso la parrocchia di Santa Maria di Valle Verde, i frati offrono assistenza spirituale presso la clinica "L'Immacolata" e la residenza "Santa Maria Valeverde".

A Lanciano, in provincia di Chieti, presso il convento di Sant'Antonio i frati svolgono un intensa attività pastorale, con particolare riferimento all’apostolato. La parrocchia conta numerosissimi abitanti.

Il convento inoltre è sede dell’Infermeria Provinciale, attigua alla casa di riposo Antonianum.

Chi è alla ricerca di silenzio e spiritualità può recarsi ad Orsogna, in provincia di Chieti. A 3 km dal centro del paese sorge, su un poggio tuffato in un’isola di verde, a contatto con la natura, un angolo di silenzio e di raccoglimento, il convento della SS. Annunziata. È conosciuto anche come Sacro Ritiro.

A Pescara la parrocchia francescana di Stella Maris ha una posizione davvero unica, è ubicata nel bel mezzo delle grandi risorse della città, ovvero nella Pineta Dannunziana e a pochi passi dal Lungomare Sud. Completamente immersa da pini mediterranei, è un posto incantevole per tutti soprattutto per le numerose attività che offre la parrocchia. Dispone di campi da gioco sul retro.

A Teramo, invece, c'è il santuario della Madonna delle Grazie, che custodisce una “perla preziosa”: la venerata e ammirata immagine della Vergine con il santo Bambino, conosciuta come Madonna delle Grazie.

A L'Aquila la Basilica francescana, edificata tra 1454 e 1472, è dedicata a San Bernardino da Siena. La sua fondazione è legata alla figura del Santo che morì a L’Aquila il 20 Maggio 1444. Distrutta più volte dal sisma, è il frutto di attività e di ripensamenti architettonici.

LEGGI ANCHE: Hai bisogno di una giornata in un'oasi di pace? Vai a pregare con i frati minori di San Bonaventura



Gelsomino Del Guercio

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits