NOTIZIE > religione

Una "Camminata francescana" in onore di Fra Tommaso da Olera

di Gelsomino Del Guercio
Una

In occasione della festa liturgica del Beato Tommaso da Olera giovedì 3 maggio si è tenuta la quarta “Camminata francescana sulle orme dei sandali”.
 

Una passeggiata serale da Alzano Lombardo ad Olera, nel cuore della provincia di Bergamo, insieme ai frati minori, nel segno della preghiera e della memoria di Fra Tommaso, storico cappuccino vissuto nel '600. La marcia si è conclusa ad Olera con la concelebrazione eucaristica presieduta da monsignor Carlo Mazza, vescovo emerito della Diocesi di Fidenza.



DAL TIROLO AL VENETO

Ma perché ricordare con una camminata il Beato Tommaso da Olera? La risposta è semplice. Tommaso, fu un campione della difesa della Fede e della promozione della pietà popolare, nel Tirolo e nel Veneto, nella prima metà del ‘600. Amava predicare in modo itinerante. Con sé portava solo una bisaccia e i suoi sandali.

Leggi anche: Le 10 caratteristiche del missionario francescano

UN PICCOLO PASTORELLO

Tommaso nacque nel piccolo paese di Olera, posto nella Val Seriana, nel 1563, fece il pastorello fino ai 17 anni, dividendo con i genitori la povertà dell’epoca, rimanendo nel contempo analfabeta, perché nel suo piccolo paese non vi erano scuole.

Entrò a 17 anni nell’Ordine Francescano dei Cappuccini il 12 settembre 1580 nel convento di Verona, ottenendo di imparare a leggere e scrivere, dimostrandosi subito un giovane novizio colmo di ogni virtù.

LE CONVERSIONI

Fece la sua professione il 5 luglio 1584 ricevendo l’incarico di addetto alla questua a Verona fino al 1605 e poi a Vicenza fino al 1612 e a Rovereto dal 1613 al 1617. Nel suo giro fuori dal convento fra le popolazioni di allora, operava riappacificazioni e spingeva al perdono; visitava e confortava i malati; ascoltava ed incoraggiava i poveri, denunciava il male e operava molte conversioni.



Leggi anche: Beato Francesco Zirano: il frate, il missionario, il martire

LA VOCAZIONE DELLE SUORE

La sua opera d’apostolato era alimentata dalla preghiera spesso notturna, dalle penitenze che infliggeva al suo corpo, dai digiuni ed austerità; fu suscitatore di vocazioni religiose, specialmente delle suore.

https://www.youtube.com/watch?v=ofTLtYT_cX4


Gelsomino Del Guercio

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits