NOTIZIE > religione

Sapete che le suore francescane hanno fatto un regalo speciale al Papa in Bulgaria?

Francesco ha fatto tappa nel convento delle Missionarie Francescane di Rakovsky

di Gelsomino Del Guercio
Sapete che le suore francescane hanno fatto un regalo speciale al Papa in Bulgaria?
Credit Foto - Vatican News

Durante il recente viaggio apostolico in Bulgaria, Papa Francesco ha fatto tappa nel convento delle Missionarie Francescane di Rakovsky. E' stato dalle suore al termine della santa messa e si è fermato a pranzare con loro.

A fargli gli onori di casa la più anziana: Suor Luigia Miglioranza, 89 anni, ancora missionaria, che ha conosciuto Paolo VI e Giovanni XXIII, e ha lavorato a Cipro, in Turchia, per poi arrivare in Bulgaria nel 1993, perché – racconta ad ACI Stampa – «quando c’è stato il cambiamento e si sono aperte le porte, hanno scelto di inviare me, perché avevo la fama di una persona concreta».

IL DONO

Suor Luigia, insieme alle altre religiose francescane hanno voluto fare un regalo al Papa. Un dono speciale: si tratta di un trittico in legno con Madonna e Angeli. Un'opera molto elegante, realizzata dalla Fraternità Monastica di Betlemme durante il pontificato di papa Paolo VI.

IL TRITTICO

Le bandelle esterne presentano le figure di san Paolo di Tarso, l’apostolo delle genti, e di san Giovanni Battista, il precursore di Cristo; mentre nel lato interno troviamo due angeli oranti con il capo chino verso la rappresentazione della Vergine Maria, colei che divenne “tabernacolo vivente” di Nostro Signore, anch’ella con le braccia aperte e in posizione orante.

Davanti alla Vergine Maria è inoltre rappresentata, come in una grande ostia, il tema principale di questo trittico: la Santissima Trinità secondo la Chiesa Ortodossa Russa, desunta da una celeberrima icona del 1422 del Santo iconografo Andrej Rublëv, oggi conservata nella Galleria Tret’jakov di Mosca.

LEGGI ANCHE: Francesco in Bulgaria nel segno della pace e del dialogo

LE TRE FIGURE ANGELICHE

Ecco che Rublëv, per rappresentare la sintesi del più grande mistero della nostra fede e rivelarci al contempo sia l’unità che la distinzione delle Persone divine, scelse il cerchio (eternità, perfezione) come motivo dominante di tutta la composizione, dentro il quale inserì perfettamente tre figure angeliche, del tutto simili in apparenza e seduti attorno a un tavolo, che stanno ad indicare quell’amore perfetto, senza inizio e senza fine.

La scena deriva però dal libro della Genesi, dov’è raccontato di Abramo che accoglie tre estranei nella sua tenda (Genesi 18: 1-8).



Gelsomino Del Guercio

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits