NOTIZIE > religione

Sacro d'autore. Venerdì Santo. Turoldo e le domande sulla morte

Il Venerdì Santo è il giorno che porta in sé tutta la sofferenza del mondo.

Sacro d'autore. Venerdì Santo. Turoldo e le domande sulla morte
Credit Foto - Avvenire

Venerdì Santo è il giorno dei grandi interrogativi: perché il male, perché il dolore innocente, perché la sofferenza? Domande che trovano risposta nella Croce solo se la si guarda nella prospettiva della Risurrezione. Se il Venerdì Santo è già illuminato dalla Pasqua. 

Sono le inquietudini che hanno segnato il percorso, il cammino spirituale, culturale, umano di padre David Maria Turoldo (1916-1992), presbitero, teologo, filosofo e poeta che arriva a scrivere:

«No,
credere a Pasqua non è giusta fede:
troppo bello sei a Pasqua!
Fede vera è al Venerdì Santo quando Tu non c’eri lassù.
Quando non una eco
risponde al suo grido e a stento
il Nulla dà forma alla Tua assenza».


Mettere in fuga la morte

Ma proprio la croce è il luogo in cui si manifesta in modo più tragicamente chiaro l’amore di Dio per l’uomo. Cristo infatti è venuto nel mondo per vincere la morte. Ancora Turoldo.

«Tu sei venuto tra noi per mettere in fuga la morte
per snidare e uccidere la morte.
Anche a Te la morte fa male
per questo sei amico di ognuno segnato dal male e ogni male
Tu vuoi condividere».


Riccardo Maccioni - Avvenire



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
ACCONSENTO NON ACCONSENTO
al trattamento dei miei Dati personali per le finalità riportate nell'informativa, al fine esclusivo di contattare l'utente per sole ragioni di servizio, legate all'evasione delle sue richieste (pubblicazione commenti)
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits