NOTIZIE > rubrica_speciale_pace

Incontri interreligiosi ad Assisi, i precedenti - FOTO

di Redazione online
Incontri interreligiosi ad Assisi, i precedenti - FOTO



INCONTRO INTERRELIGIOSO A ASSISI,I PRECEDENTI

25 ANNI DOPO INTUIZIONE WOJTYLA, RATZINGER RILANCIA DIALOGO PACE
Benedetto XVI invita cristiani di tutte le confessioni, credenti di tutte le fedi e uomini di buona volontà ad Assisi per il prossimo ottobre, 25 anni dopo lo storico incontro interreligioso per la pace voluto da papa Wojtyla.

Papa Ratzinger lo ha annunciato personalmente durante la preghiera dell'Angelus. Il capostipite di questi incontri interreligiosi è quello tenutosi nell'ottobre dell'86 nella patria di San Francesco e che ha dato vita al cosiddetto 'spirito di Assisi': la preghiera fraterna, ognuno secondo la propria fede, di persone diverse per religione e cultura, che si trovano insieme a pregare per la pace, certi della efficacia di tale esperienza spirituale e della sua significatività per il mondo. Assisi 1 fu senza dubbio un evento: era il 1986, proclamato dall'Onu anno internazionale della pace, ma il mondo era diviso in blocchi e pullulavano i conflitti locali; sembrava impensabile anche solo l'ipotesi che esponenti di diverse fedi si trovassero in preghiera, si stringessero la mano, mostrassero a tutti che il dialogo era non solo possibile ma necessario per il mondo. Invece l'invito lanciato da papa Wojtyla fu accolto da 70 rappresentanti delle principali religioni mondiali: cristiani delle varie confessioni, musulmani, ebrei, buddisti, indù, shinto, sikh, religioni tradizionali, animisti. Richiese mesi di preparazione e diede anche frutti pratici, visto che alla tregua delle armi chiesta a gran voce dai responsabili religiosi ad Assisi aderirono tutti i gruppi della guerriglia in vari paesi dell'America Latina, i libanesi, Israele, Iran e Iraq impegnati in una guerra, i Kmer rossi, i Tamil e l'Ira. Soltanto l'Eta non accettò la tregua, mentre l'Unione Sovietica ignorò l'avvenimento. Assisi 1 resta una geniale intuizione di Giovanni Paolo II, un momento profetico nella storia della Chiesa nel Novecento.

Con uno spirito analogo Giovanni Paolo II, durante la guerra che insanguinava i Balcani e l'ex Jugoslavia, convocò un "incontro di preghiera per la pace in Europa", ad Assisi, il 9 e il 10 gennaio del '93, a cui parteciparono rappresentanti delle chiese cristiane, dell'ebraismo e dell'Islam.

Assisi 3 si svolse il 24 gennaio 2002 a pochi mesi dall'11 settembre. Nelle speranze di Wojtyla doveva servire a portare pace in un mondo che aveva iniziato il terzo millennio cristiano all'insegna del terrorismo feroce e dei professionisti della guerra. I partecipanti viaggiarono insieme sullo stesso treno diretti alla patria di San Francesco. Lo scenario che ha spinto Benedetto XVI a indire un Assisi 4 ť quello che identifica gli attacchi contro i cristiani e le limitazioni alla libertà religiosa per qualsiasi credente come una minaccia alla pace.(ANSA).


Redazione online

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits