NOTIZIE > preghiere

Per i peccati commessi chiedi perdono a Gesù recitando la preghiera del francescano Luigi Guanella

di Gelsomino Del Guercio
Per i peccati commessi chiedi perdono a Gesù recitando la preghiera del francescano Luigi Guanella
Credit Foto - ANSA

Ti senti afflitto per aver commesso dei peccati e senti il Signore più lontano? Allora prova a rivolgerti a Gesù, invocandolo attraverso le preghiere del Terziario Francescano Luigi Guanella.

Don Guanella è conosciuto perché fondò a Como la Congregazione dei Servi della Carità e delle Figlie di Santa Maria della Provvidenza per prendersi cura delle necessità dei più poveri e degli afflitti e provvedere alla loro salvezza. Fu un esempio per tutta la comunità tanto è vero che la sua opera è oggi diffusa in tutto il mondo.

Ecco le preghiere di Don Guanella, rivolte a Gesù:

PRIMA PREGHIERA

O Gesù, benedicimi ancora. Io vi desidero, io vi desidero. Cuore del mio Gesù, io voglio entrare nel tuo cuore e non staccarmi mai più. Copri con il sangue del tuo cuore l'anima mia e rendila pura affinché io possa comparirti davanti in paradiso.

O paradiso mio, o Dio mio, io ad altro non aspiro che a voi. O dolce Cuore del mio Gesù, fate che io vi ami sempre più.

SECONDA PREGHIERA

O Gesù, ho commesso colpe di superbia. Ho consumato le perversità dei sensi. Mi sarei meritato le carceri, gli schiaffi, tante percosse. Le flagellazioni e la croce mi sarei meritato per i miei peccati. E tu, o Gesù, mi avete usata misericordia. Come posso io pagare il debito per tanto male, e tu, o Gesù, sei entrato garante e hai pagato con sovrabbondanza.

O mio Gesù, tu mi hai redento ed io voglio essere tutta una vostra creatura. Abbi pietà di me, di me che tu, o Gesù, hai redento con il tuo sangue.

TERZA PREGHIERA

O quando anche l'anima mia vi vedrà faccia a faccia, o mio Dio e mio Signore? Mi conforta il ricordo della tua pietà, o mio Gesù. Mi conforta il considerare le tenerezze del tuo cuore. Io ti prego e tu mi salverai, o Signore. Io metterò avanti i miei poveri passi e tu sarai sostegno alla mia debolezza, o mio Gesù.

Che io sia salvo, mio Salvatore, che io sia sicuro in cielo per i tuoi meriti.


Gelsomino Del Guercio

PREGHIERA SUCCESSIVA

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits