NOTIZIE >

Corridoi umanitari, in un anno la Comunità Sant'Egidio ne ha salvati 1000

Corridoi umanitari, in un anno la Comunità Sant'Egidio ne ha salvati 1000
Credit Foto - Ansa - Michela Suglia

Siamo arrivati a 1000! E' il numero di vite salvate in un anno e mezzo con i corridoi umanitari. L'arrivo dell'ultimo gruppo di 120 persone è previsto per domani mattina all'aeroporto di Fiumicino. Lo seguiremo in diretta Facebook (per ricevere l'avviso mettete "mi piace" alla pagina ufficiale Comunità di Sant'Egidio - Community of Sant'Egidio).

Poi le famiglie dei rifugiati si distribuiranno sul territorio nazionale, dove troveranno accoglienza nei centri della Comunità, della Federazione delle Chiese Evangeliche, della Chiesa Valdese. Come non essere orgogliosi di questo traguardo, per un progetto completamente autofinanziato, che ha creato inoltre percorsi di integrazione per i bambini e per gli adulti, come abbiamo raccontato durante questi mesi.

Ma non ci fermiamo qui! E' prossima l'apertura dei corridoi umanitari dall'Etiopia, di cui vi informeremo prossimamente.

Intanto è in partenza una missione umanitaria con aiuti di emergenza ai profughi Rohingya in Bangladesh. Poche e frammentate notizie arrivano da questa zona poverissima del mondo dove si assiste ad una vera e propria catastrofe umanitaria. Per questo a partire dal 2 novembre una delegazione della Comunità di Sant'Egidio sarà a Dhaka e nei campi profughi della zona di Cox's Bazar. Cominceremo distribuendo cibo, medicine, e lettini per gli ospedali da campo.



Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits