NOTIZIE > lettere_direttore

TROVARE PACE E VIVERE IN SALUTE

di Enzo Fortunato
TROVARE PACE E VIVERE IN SALUTE

Carissimo padre Enzo, il mio nome è Massimo e ho quarant’anni. Voglio approfi ttare di questi momenti di serenità per scriverle una lettera. Da circa ventitre anni sono in cura a causa di una patologia molto delicata che mi ha reso molto sofferente e infelice. Ho perso gli anni più belli della mia giovinezza facendo soffrire tanto anche i miei cari genitori e il mio unico fratello defunto. Il mio rapporto con la fede a volte è molto confl ittuale in quanto vorrei guarire a tutti i costi da due decenni e non riesco ad accettare la probabile volontà di Dio. Ho pregato e prego tanto. Il mio sogno è quello di trovare la pace mentale e di vivere in salute, ma anche di vedere il mondo cambiare in meglio. Voglio implorare le sue preziose preghiere e quelle dei frati di Assisi per me e per le altre persone a me care.
Massimo (NA)

Caro Massimo, continua a pregare. Il cardinal Gianfranco Ravasi scrive che “anche nella più cupa infelicità si può accendere una scintilla di luce che diventa più rilevante dell’immensa tenebra. È importante riuscire a coglierla con lo sguardo e ad afferrarla con la mano”. Comprendo le tue difficoltà, i tuoi dubbi e i tuoi sogni, non arrenderti, lasciati pervadere dal “seme della speranza” e sii testimone del “gusto della ricerca, dell’attesa, della fiducia”. La vita è questo, è saper ricominciare ogni giorno ed essere il sale, il lievito e la luce della propria esistenza. La nostra preghiera ti accompagni ogni giorno.
Un caro saluto di pace e bene


Enzo Fortunato
Direttore della Rivista

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits