NOTIZIE > lettere_direttore

Portare la mia croce con pazienza

di Enzo Fortunato
Portare la mia croce con pazienza

Gent.le padre Enzo, sono una ragazza che soffre da molti anni, sto veramente male, un vero calvario che logora i miei tristi giorni. La mia vita non vale più niente, dalla mia malattia non si guarisce e allora mi dispero e penso che vorrei morire. Ma poi mi pento di questi pensieri, sono cristiana e credo in Dio. Le chiedo delle preghiere affinché possa portare la mia croce con pazienza.
Marcella (CN)


Carissima Marcella,
la tua lettera mi ha fatto pensare subito alle parole di Gesù “Il mio giogo è soave e il mio carico è leggero”. Permettimi di dirti che la vita è preziosa e che ogni vita vale più di qualunque cosa davanti al Signore. Ti siamo vicini con la preghiera e l’affetto, affido a san Francesco i tuoi giorni perché essi possano diventare giorni sereni.
Un caro saluto di pace e bene


Enzo Fortunato
Direttore della Rivista

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits